Salvini scippa tre parlamentari a Forza Italia e dichiara guerra a Berlusconi

L'editoriale del direttore Nico Perrone per DIreOggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ci sono problemi nella maggioranza di governo ma da oggi anche nel centrodestra è guerra. In questi ultimi giorni Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, più volte ha manifestato la sua disponibilità, nell’interesse del Paese colpito dall’epidemia, a dare una mano al Senato per l’approvazione della legge di bilancio. Oggi il leader della Lega, Matteo Salvini, gli ha risposto a palle incatenate portandosi nel suo partito tre parlamentari ‘azzurri’. Una vera e propria dichiarazione di guerra, che ha avuto un primo significativo effetto: oggi i leader del centrodestra si dovevano vedere per discutere delle prossime elezioni amministrative. Visto quanto accaduto, per evitare che si trasformasse in rissa, il vertice è stato annullato e nemmeno si sa quando verrà riconvocato.

Tra i parlamentari azzurri ci sono pareri diversi: per alcuni Berlusconi è fuori dalla grazia di Dio, e visto quanto accaduto negli anni passati a quelli che hanno osato sfidarlo apertamente è meglio che Salvini si trovi subito qualche santo protettore. Non la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che tra i due litiganti è quella che alla fine potrebbe veramente essere l’unica a godere.

Per altri ‘azzurri’, invece, “Berlusconi se ne impippa di Salvini” perché il leghista è in caduta libera, senza linea, e non sarà lui nel prossimo futuro a parlare per il Nord. Nella chat di Forza Italia si rincorrono i commenti e le brutte parole contro “i tre traditori, che non si rendono conto di essere solo carne da macello”. Infatti, è il loro ragionamento, “già Salvini con il Parlamento ridotto farà fatica a piazzare i suoi, anzi, con il calo dei voti alla Lega molti dei suoi rimarranno fuori. Quindi i tre pensano che verranno messi in lista? Illusi”.

Chissà che lo scippo dei 3 parlamentari ‘azzurri’, pensata come una genialata politica, non si trasformi in beffa per Salvini. Eh sì, perché alla fine Forza Italia potrebbe rompere gli indugi e mettersi al ‘Centro’, dando vita a quella forza moderata che potrebbe raccogliere tutti quelli che non vogliono morire ultrà di destra. Una forza che, alle prossime elezioni, potrebbe avere i numeri necessari per formare maggioranze diverse.

Ora che è guerra tra Salvini e Berlusconi, a Meloni tocca mettersi subito in campo per: da una parte, ‘svecchiare’ in fretta il suo partito immettendo forze giovani dai territori; dall’altra, fare una grande operazione di innovazione politica aprendo al mondo economico del Nord produttivo. Se l’operazione riuscisse, con Salvini fuori gioco e con la nuova Lega costretta a spostarsi più al Centro, lei sarebbe l’unica leader della nuova destra.

LEGGI DIREOGGI, EDIZIONE DEL 19 NOVEMBRE 2020

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»