Giornale radio sociale, edizione del 19 novembre 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

INTERNAZIONALE – Green Revolution. Il governo del Regno Unito ha annunciato l’obiettivo di mettere uno stop alla circolazione di veicoli a benzina e diesel a partire dal 2030. La misura fa parte di un piano di sviluppo energetico che mira al taglio delle emissioni e che nei prossimi anni dovrebbe stimolare la creazione di 250 mila posti di lavoro.

SOCIETA’ – Chi paga il conto. “Con i Bambini” ha presentato l’indagine condotta da Demopolis “Gli Italiani e la povertà educativa minorile nell’era Covid”. A subire il prezzo degli effetti a lungo termine dell’emergenza saranno i più piccoli: ne sono persuasi oggi i due terzi degli italiani convinti che nel nostro Paese le opportunità dell’istruzione non siano garantite per tutti. Un dato importante e in crescita è che per il 67% degli italiani la responsabilità dei minori è di tutta la comunità. Ascoltiamo il presidente di “Con i Bambini” Carlo Borgomeo. (sonoro)

ECONOMIA – Generazioni future. Per loro dovranno essere ripensati il welfare, il lavoro e i servizi sociosanitari. Legacoopsociali ha interrogato le istituzioni nel secondo appuntamento on line dell’assemblea dei delegati 2020. I temi, le proposte e gli impegni saranno approfonditi nel prossimo Grs Week a cura della redazione economia, on line da domani sera alle 20 su www.giornaleradiosociale.it

DIRITTI – Le statistiche che mancavano. Senza dati attendibili sulla disabilità, difficilmente si potrà arrivare a porre fine alle discriminazioni. Per mettere a disposizione uno strumento che fornisca conoscenze sulla raccolta, l’analisi e l’utilizzo di queste statistiche, l’IDA (International Disability Alliance), CBM (Christian Blind Mission) hanno prodotto il documento “Disability Data Advocacy Toolkit”, prima preziosa base di lavoro per la tutela dei diritti.

CULTURA – Scambi culturali. Torna “Io leggo perché” la campagna per sostenere le biblioteche scolastiche. Il servizio è di Clara Capponi.

Due milioni e mezzo di bambini e ragazzi coinvolti, 13 mila scuole, più di 2.500 librerie mobilitate su tutto il territorio nazionale per oltre un milione di libri donati. Sono questi i numeri di #Ioleggoperché un’iniziativa solidale promossa dall’associazione italiana editori per il potenziamento delle biblioteche scolastiche. Dal 21 al 29 novembre chiunque potrà donare un libro a una scuola, scegliendo un titolo tra quelli suggeriti dagli istituti stessi o semplicemente in base alle proprie preferenze. Vista l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo quest’anno sarà possibile donare anche online, grazie all’impegno di molte librerie che hanno segnalato modalità alternative per donare rispetto all’ingresso fisico nei punti vendita. L’iniziativa è sostenuta dal Mibact insieme al Ministero dell’istruzione.

SPORT – Campione dentro e fuori dal campo. È Marcus Rashford, attaccante della nazionale inglese, impegnato in diverse campagne di sensibilizzazione dedicate alla tutela delle categorie sociali più deboli. Tra le altre cose ha assicurato un milione di pasti gratuiti ai bisognosi, attraverso un ente benefico con cui lavora da tempo e ha creato il Marcus Rashford Book Club per spingere i più giovani alla lettura.

Ed è tutto. Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»