Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marino: ad Ama 10 mld ma se non va arrivano i privati

"Il nuovo contratto Ama rappresenta un cambiamento importante perché
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ama“Il nuovo contratto Ama rappresenta un cambiamento importante perché conferma la fiducia dell’amministrazione nel servizio pubblico. L’affidamento del servizio ad Ama per 15 ha un valore finanziario di 10 miliardi, cifre davvero importanti, ma faremo un monitorattio”. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, nel corso di un’intervista a RaiNews24 sul nuovo contratto di affidamento della pulizia e della raccolta rifiuti della città di Roma all’Ama.

“Un’azienda come Ama, che fornisce servizi essenziali- ha aggiunto Marino- credo debba essere sempre piu aziendale e misurata nei risultati e sull’efficacia dell’azione di pulizia della città. Per questo ho chiesto che fosse introdotta nel contratto la necessità che due agenzie indipendenti valutino, l’una, con metodo scientifico, i risultati in temini di pulizia, e l’altra, non con un referedum, ma con dati scientifici raccolti tra gli utenti, Municipio per Municpio, la percezione della qualità del servizio. Se il servizio stesso non migliorerà l’amministrazione ha la libertà di affidare lo spazzamento, anche in tutti i Municipi, ad aziende private. Inoltre chiediamo ad Ama di avviare un percorso di partenariato industriale ccon i privati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»