hamburger menu

Agli Europei di ginnastica ritmica Raffaeli fa la storia: due ori e un argento

Continuano i successi per la diciottenne marchigiana che stabilisce un nuovo primato storico per la Ritmica azzurra

19/06/2022
sonia raffaeli_ginnastica ritmica-min_ph. simone ferraro

Ph. Simone Ferraro

ROMA – Sofia Raffaeli vince la medaglia d’oro al cerchio con 36 punti netti. L’agente delle Fiamme Oro della Polizia di Stato – già medaglia di bronzo in questo attrezzo al mondiale di Kitakyushu – nella sua prima finale di specialità di oggi al Campionato Europeo di Ritmica a Tel Aviv, sale sul primo gradino del podio davanti all’israeliana Daria Atamanov – vincitrice dell’All Around di ieri – argento con 34.900 punti e alla bulgara Boryana Kaleyn, bronzo con 33.900. Il programma delle finali individuali è proseguito con la palla. In questo ottetto erano presenti due ginnaste azzurre.

L’inarrestabile Sofia Raffaeli, reduce da un amaro quarto posto nel concorso generale europeo, lascia poco spazio alle rivali e colleziona la sua seconda medaglia di giornata con il personale di 34.250 punti, questa volta d’argento a causa di una perdita su un rischio con ripresa in ruota. Davanti a lei la bulgara Boryana Kaleyn con 35.350 punti e dietro la tedesca Darja Varfolomeev con 33.750 punti. La Baldassarri, che ha centrato solo questa finale in fase di qualifica, si attesta in settima posizione con il personale di 33.100. Le clavette hanno chiuso la presenza delle individualiste italiane sulla pedana dell’Expo di Tel Aviv. In questa finale la ginnasta di Chiaravalle, allenata da Julieta Cantaluppi alla Ginnastica Fabriano, mette insieme 34.550 punti validi per la prima posizione in classifica davanti alla padrona di casa, Daria Atamanov, argento con 34.250 punti e alla slovena Ekaterina Vedeneeva, bronzo con 32.550.

Continuano dunque i successi per la diciottenne marchigiana che stabilisce un nuovo primato storico per la Ritmica azzurra che, nelle 37 edizioni passate della rassegna continentale, non aveva mai raggiunto il podio individuale, impreziosendolo non di una medaglia ma ben tre, di cui due d’oro. Nell’ultima finale con il nastro è la bulgara Boryana Kaleyn ad avere la meglio sulle avversarie. Con il suo 34.050 punti si posiziona davanti alla padrona di casa Daria Atamanov, argento con 33.750 e all’altra israeliana Adi Asya Katz, bronzo con 32.600.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-20T19:47:46+02:00