‘Restiamo umani’, Zorro porta in piazza a Milano il messaggio di Vittorio Arrigoni

L'eroe mascherato è un antifascista romano, che ha organizzato l'iniziativa con altri attivisti. E spiega di essersi ispirato proprio al giornalista ucciso nel 2011
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’era anche Vittorio Arrigoni ieri a Milano, nel corso della manifestazione sovranista promossa dalla Lega. L’attivista, giornalista e scrittore ucciso nel 2011 da terroristi jihadisti chiudeva i suoi articoli da Gaza con la frase “Stay Human- Restiamo umani”. Lo stesso invito che campeggiava sullo striscione srotolato da un balcone di Piazza del Duomo da Riccardo Germani, alias Zorro. O meglio Zorro antifa, come Germani, romano in trasferta a Milano, preferisce firmarsi. Militante antifascista, Germani si e’ affacciato spada alla mano dal balcone, per essere poi in breve respinto dalla Digos, che gli ha sequestrato lo striscione.

A Radio Popolare Germani ha spiegato di essersi “solo prestato a fare Zorro. C’è stato un lavoro di tutto il gruppo che ha organizzato la manifestazione anti Salvini. Questa è stata una delle molteplici iniziative della giornata”. Gli attivisti hanno affittato la camera d’albergo e da li’ hanno esposto per 

oltre un’ora “un messaggio positivo a una piazza di odio, il restiamo umani che si rivolgeva a chi era infarcito di odio verso tutti”. Su facebook Zorro Antifa spiega di essersi ispirato proprio a Vittorio Arrigoni. Lo dice alla sorella di Arrigoni, Alessandra, che lo ringrazia. “Era una cosa dovuta. E’ un messaggio che volevamo dare. Abbiamo pensato molto a lui prima di farlo e quindi c’è sembrata una cosa positiva rispetto a tutto l’odio che c’era in quella piazza. Oggi possiamo dire che abbiamo vinto noi“, risponde Zorro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»