Calcio, “fermate la Superlega”: Fratoianni presenta interrogazione al Governo

superlega fratoianni
Per il segretario di Sinistra Italiana si tratta di un accordo che nasce "da società ricche ma piene di debiti": "le disuguaglianze si allungano anche sul terreno sportivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’affaire Superlega approda in Parlamento. Il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, interpellato dall’agenzia Dire, annuncia la presentazione di un’interrogazione al governo per chiedere quale posizione abbia sulla cosiddetta Superlega di calcio e come intenda muoversi per scongiurare che il calcio, da grande passione popolare, degeneri definitivamente in business a carattere eminentemente privatistico.

“Siamo di fronte al trionfo del mercato- dice Fratoianni- con un’aggravante: perché quest’intesa privatistica nasce da società che sono ricche da un lato ma anche piene di debiti. E’ un’operazione di carattere economico e di mercato, altro che sport, fair play e tifo. Molte di queste aziende sarebbero fallite e fanno questa mossa evidentemente per spartirsi prima di tutto la torta dei diritti, e poi tutti gli altri aspetti del calcio inteso come business. C’è tuttavia un aspetto che dovrebbe interessare il governo e la politica: il calcio è un fatto popolare, oserei dire anche democratico, visto che vive della passione dei tifosi. E’ giusto quindi che il governo chiarisca la sua linea su questa materia e dica come intenda scongiurare la Superlega”.

Fratoianni non nasconde “un giudizio spietatamente contrario. E’ l’ennesima dimostrazione di come le diseguaglianze si allungano anche sul terreno sportivo. E di come la passione popolare diventi terreno di conflitto di carattere economico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»