In autunno arriva il primo album interamente registrato nello Spazio

[caption id="attachment_6630" align="alignleft" width="300"] C. Hadfield[/caption] ROMA  -  Ha incantato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
C. Hadfield
C. Hadfield

ROMA  –  Ha incantato tutti intonando ‘Space Oddity’ sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) e ora l’astronauta-melomane Chris Hadfield torna con un intero album registrato tra le stelle.  Si tratta della prima opera musicale realizzata in orbita.

“Sono felice di annunciare che nell’autunno del 2015 uscirà un album registrato tutto nello Spazio”, ha annunciato l’astronauta canadese sulla sua pagina Facebook.  La sua casa di produzione, la Warner music, ha precisato che voce e chitarra sono state incise sulla Iss, mentre gli arrangiamenti sono stati studiati aTerra.
Hadfield, 55 anni, ha  trascorso sulla Iss sei mesi, dal dicembre 2012 al maggio 2013, ed è stato il primo canadese a ricoprire il ruolo di comandante.  Durante la sua missione si è dilettato a suonare la chitarra acustica che aveva portato con sé, tenendo traccia dei suoi momenti musicali spaziali grazia a un computer portatile. Quando è tornato a Terra, portata a termine quella che è stata la sua ultima missione, ha diffuso la magica versione di ‘Space Oddity’, con un videoclip mozzafiato in cui fluttua a bordo del laboratorio orbitante più grande mai creato e guarda malinconicamente la Terra attraverso la sua cupola.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»