Dal Cdm ok al decreto sostegni: trovato accordo su stralcio cartelle esattoriali

L'accordo sancito in Consiglio dei ministri prevede l'abbattimento dei vecchi atti dal 2000 al 2011 (la proposta iniziale arrivava al 2015)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ terminato dopo circa un’ora il consiglio dei ministri che ha approvato il decreto sostegni. Intesa tra le forze di governo sullo stralcio delle cartelle fino a 5 mila euro. L’accordo sancito in Consiglio dei ministri prevede l’abbattimento dei vecchi atti dal 2000 al 2011 (la proposta iniziale arrivava al 2015). Con un intervento successivo, probabilmente in Parlamento, si prevede di alzare l’arco temporale di riferimento al 2015. In parallelo si avvia il percorso per la riforma della riscossione.

“Passa la nostra linea: il governo decide di procedere alla riforma della disciplina dei crediti inesigibili, per avere una riscossione efficiente e moderna”, dichiarano fonti di Italia Viva.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»