Tg Politico Parlamentare, edizione del 19 marzo 2021

Ripartono le vaccinazioni con AstraZeneca, Dl sostegni: 32 miliardi contro la crisi e la Sardegna che potrebbe tornare gialla, se non addirittura arancione tra le notizie di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ASTRAZENECA, DOVE ERAVAMO RIMASTI

Dopo il via libera dell’Ema anche l’Italia riparte con le somministrazioni del vaccino Astrazeneca. Bisognerà recuperare circa 200mila vaccinazioni rimaste in sospeso a causa dello stop improvviso della campagna. Un rallentamento che, secondo Palazzo Chigi, sarà riassorbito nell’arco di due settimane. Intanto a rasserenare gli animi ci prova il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli secondo il quale “non ci sono evidenze che il vaccino AstraZeneca incrementi il rischio di complicanze legate alle trombosi. Tuttavia, dalla Francia arriva la raccomandazione che potrebbe alimentare qualche dubbio. L’Alta autorità della Sanità transalpina consiglia di escludere dalla somministrazione di Astrazeneca le persone con meno di 55 anni.

REGIONI E COVID, ANCORA MASSIMA CAUTELA

Nuova mappa dei colori, per delimitare le aree più a rischio contagio. E anche la Sardegna potrebbe tornare gialla, se non addirittura arancione. I dati del monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità attestano il peggioramento della situazione. Anche il tasso di incidenza nel periodo tra il 12 e il 18 marzo fa registrare 264 casi su 100mila, contro i 225 precedenti. Male anche il ricorso alle terapie intensive, in aumento del 2% in una settimana. Secondo il bollettino il Molise passerebbe dal rosso all’arancione. Ancora cautele per la Lombardia. Per tutte le altre regioni rosse invece bisognerà attendere un’altra settimana per un eventuale cambio di fascia. L’indice di trasmissibilità medio in Italia è stabile a 1,16.

DL SOSTEGNI, 32 MLD CONTRO LA CRISI

Aiuti a imprese e autonomi, pace fiscale, blocco dei licenziamenti fino a giugno per tutti e prolungato a ottobre per chi non dispone della cassa integrazione ordinaria. Sono i principali capitoli del decreto Sostegni, finanziato con 32 miliardi in deficit. I contributi a fondo perduto arriveranno sui conti correnti di famiglie e imprese entro il mese di aprile e l’importo sarà pari al 5% delle perdite subite. Per rafforzare la dote degli indennizzi occorrerà un altro scostamento di bilancio che il governo ha già annunciato. Nel provvedimento anche un fondo di oltre un miliardo per gli enti locali e quasi tre per l’acquisto di vaccini. È previsto anche che i farmacisti opportunamente formati possano somministrare i vaccini.

UN AIUTO PER PIETRO, PAPÀ SENZATETTO

Festa del Papà sulla strada per Pietro Triscari, 48 anni, senzatetto siciliano, da molti anni a Roma. Una storia come tante la sua, purtroppo. Prima le difficoltà sul lavoro, poi quelle in famiglia. Il tutto acuito dalla crisi Covid. “Oggi sono stanco, una depressione mi divora”, confessa. Nel giorno della festa dei padri, neanche un augurio da parte dei figli. “Perché sono un padre disattivato”, dice lui. Neanche un messaggio dai due ragazzi, il più grande di 27anni. “Ma io gli auguro ogni bene, vorrei sapessero che cerco solo la loro vicinanza”, aggiunge Pietro. L’uomo cerca un lavoro. “Va bene tutto. Solo delinquere non mi piace”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»