Zeppole a domicilio nonostante i divieti, sequestrata pasticceria nel napoletano

Nel locale di Marano i carabinieri hanno ritrovato amarene sciroppate, vari ingredienti e l'impasto pronto per la preparazione dei dolci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Aveva pubblicizzato sul profilo social della propria pasticceria la vendita a domicilio delle zeppole di San Giuseppe, nonostante l’obbligo di chiusura imposto dal governo per evitare il contagio da Covid-19. A Marano, nel Napoletano, i Carabinieri della compagnia locale hanno denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità il titolare e tre dipendenti di un esercizio commerciale in corso Europa. Tra questi anche un uomo, addetto alle vendite, elemento di spicco del clan Nuvoletta, sodalizio criminale egemone nel comune. E la scoperta del laboratorio è avvenuta proprio grazie alla pubblicità che i gestori avevano diffuso sui social. All’interno del locale i militari dell’Arma hanno ritrovato amarene sciroppate, vari ingredienti e l’impasto pronto per la preparazione dei dolci.

La pasticceria è stata sequestrata e segnalata alle autorità competenti per la sospensione della licenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»