Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Nasce ‘Gorilla Fm’, In R.D. Congo la radio dei pigmei ambientalisti

Le trasmissioni al via venerdì dal parco patrimonio dell'Unesco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nasce Gorilla Fm, la prima radio ambientalista a trasmettere da un parco nazionale del Congo. Si comincerà in diretta venerdì, sulla frequenza 90.3. Già pronti una decina di corrispondenti, disseminati nel Kahuzi-Biega, un’area protetta dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

MISSION E “DISCRIMINAZIONE POSITIVA”

L’impegno del coordinatore Alain Bashizi, anche grazie a fondi dalla cooperazione svizzera, è sensibilizzare le comunità locali a un uso sostenibile delle foreste e al contrasto del contrabbando di legname. Per questo nella selezione dei corrispondenti è stato applicato un principio di discriminazione positiva: prima i pigmei, che alberi e gorilla li conoscono uno a uno. Il progetto è frutto di una collaborazione con Radio France Internationale e l’ong Internews.

ECCO IL PALINSESTO

In palinsesto, assicura Bashizi, ci saranno “musica, rassegne stampa e rubriche di salute, agricoltura, allevamento, pesca e nutrizione”. Ad ascoltare sarà anzitutto una comunità di circa 6mila pigmei, custodi della foresta e delle colonie del “gorilla beringei graueri” che abita le pianure congolesi: ai piedi dei vulcani estinti di Kahuzi e Biega nel 1994 gli esemplari erano quasi 17 mila, adesso ne rimangono appena 2.500.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»