La studentessa modello rimasta fuori da Montecitorio oggi è entrata. Boldrini: “Torto insopportabile”

La ragazza doveva ricevere un premio per neolaureati, ma alla Camera non la fecero entrare perché il suo passaporto è marocchino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ riuscita a entrare a Montecitorio la studentessa modello Ihlam Mounssif. La sua vicenda è paradossale. Nata in Marocco, in Italia da quando aveva due anni – ne ha ora 22- doveva ricevere giovedì scorso a Montecitorio un premio destinato ai migliori neolaureati. Peccato che con lei i commessi della Camera dei deputati siano stati inflessibili: il passaporto è marocchino, a Montecitorio non si entra. Un caso di cui si è interessata anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, che oggi ha reso noto che la ragazza è riuscita ad entrare per la manifestazione ‘Montecitorio a porte aperte’.


“Mi ha fatto piacere vedere la gioia negli occhi di Ihlam Mounssif in aula a Montecitorio dopo che non le era stato consentito l’ingresso”, ha scritto su twitter la presidente della Camera Laura Boldrini.

“Ci tenevo molto- ha detto la presidente- perché veramente è un onore che lei voglia venire nella nostra aula, vederla dal di dentro, mi sembrava un torto insopportabile”.

“Tutti- ha sottolineato- devono poter seguire questi nostri lavori. Sono molto dispiaciuta” che nei giorni scorsi Ihlam non sia riuscita ad entrare e “ho voluto invitarla qui, vive in Italia da 20 anni, ne ha 22, è italiana tanto quanto noi. Mi dispiace che sia accaduto questo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»