Gentiloni: per l’attentato di Tunisi possibili 4 italiani morti e 12 feriti

[caption id="attachment_1094" align="alignleft" width="300"] P. Gentiloni[/caption] “Al momento dobbiamo capire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
P. Gentiloni
P. Gentiloni

“Al momento dobbiamo capire che la zona in cui è avvenuto l’attentato è sotto il controllo delle autorità tunisine, che hanno lavorato tutta la notte all’identificazione delle vittime. Ieri nella tarda serata si era parlato di 4 vittime italiane, in realtà due probabilmente sono feriti, più due dispersi. I dati ufficiali li daremo solo quando avremo notizie ufficiali. Alla fine purtroppo è possibile che il bilancio sia di 4 vittime italiane e una dozzina di feriti”. E’ quanto ha annunciato questa mattina, Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri, parlando del bilancio dell’attentato di ieri a Tunisi.

 

“La strage di Tunisi- ha aggiunto Gentiloni- ha molto a che fare con la strage di Parigi. Non dobbiamo trarre conclusioni di tipo allarmistico o irragionevole, ma on c’è dubbio che la minaccia terroristica sia aumentata. Noi dobbiamo fare la nostra parte, finora non abbiamo prove di commistione tra fenomeno migratorio e terrorismo, ma nessuno può escluderlo. Non siamo alla massima allerta, perché non ci sono notizie di minacce dirette per l’Italia, ma siamo alla pre-allerta massima. Ci vuole vigilanza sulle frontiere, ci vuole controllo anche all’interno, ma dobbiamo farlo senza isteria e senza rinunciare alla nostra libertà. Per questa oscena propaganda estremista Roma è un simbolo, è l’idea dell’occidente. Il terrorismo lo combattiamo in tante forme da tanto tempo, ma non si può dire che il nostro paese è in guerra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»