Unioni civili, Tullio De Mauro spiega l’origine del termine ‘stepchild’ VIDEO

In italiano il concetto espresso da "step" esiste, ma, spiega il linguista, "lo diremmo con espressioni che ci suonano un po' negative"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da dove viene la parola “stepchild“, tanto usata da media e politica in questi giorni? Lo ha spiegato il linguista Tullio De Mauro: “‘Stepchild’ fa parte di una serie di espressioni inglesi e con immediati equivalenti tedeschi e in tutte le lingue germaniche” spiega il professore. La componente “step”, o “stief”, in tedesco, viene da “una radice germanica che designa quello che è aggregato a una stirpe, a una famiglia, ma in via legale e non in via di sangue“.

In italiano il concetto espresso da “step” esiste, ma, spiega il linguista, “lo diremmo con espressioni che ci suonano un po’ negative, come “il patrigno, la matrigna, il fratellastro, la sorellastra”. De Mauro è stato intervistato dall’agenzia Dire, a margine della conferenza “Lo Sguardo Capovolto” tenutasi oggi a nella Biblioteca Nazionale Centrale a Roma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»