Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Casini: “Sì alla fiducia a Conte, ma sono molto preoccupato”

"Non condivido il trionfalismo di chi si accontenta del pallottoliere e dimentica le priorita' della politica".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pier Ferdinando Casini annuncia voto favorevole al governo. E’ il primo senatore ad intervenire in Aula al Senato dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla crisi politica. Casini chiede pero’ di “recuperare il cammino comune con chi ha fatto prevalere ragioni divisive”.

“Nell’annunciare il mio voto favorevole al Governo- dice Casini- esprimo apprezzamento per gli sforzi onesti e leali che avete messo in campo per affrontare la pandemia. Credo che le sue parole siano state di verita’ ammettendo che forse alcune cose potevano esser fatte meglio, ma questo e’ quello che si poteva fare. Nessuno puo’ avere il pregio dell’infallibilta’ di fronte a una vicenda drammatica come questa”.

Casini si dice comunque “molto preoccupato, non condivido il trionfalismo di chi si accontenta del pallottoliere e dimentica le priorita’ della politica“. In merito alla crisi politica, Casini sottolinea che “la crisi andava affrontata con risolutezza, mentre oggi e’ tutto un antirenzismo che diventa una sorta di ordalia, di autocmpiacimento”. Per Casini “il governo rischia di uscire da questa crisi con numeri indeboliti e con la ricerca affannosa di responsabili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»