Libia, Conte: “Non chiediamo passi indietro a nessuno”

"Siamo moderatamente ottimisti" che la conferenza di Berlino giunga a "una soluzione pacifica", ha detto il Premier
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi non chiediamo a nessuno degli attori di fare passi indietro, ma decisi passi avanti verso il percorso di pacificazione“. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, parlando a margine della conferenza di Berlino.

“Ci auguriamo che la conferenza porti al risultato su cui abbiamo lavorato per un cessate il fuoco duraturo e poi dovremo porci il problema di una forza che assicuri le operazioni di pace e monitoraggio”, ha proseguito il premier e rispondendo al premier libico Fayez al Serraj ha detto: “L’Europa non è arrivata tardi, nelle ultime fasi sta maturando la grande convinzione che in questi dossier deve muoversi con la massima determinazione e con una voce sola”.

Gli Stati Uniti, infine, “hanno un grande ruolo, a Mike Pompeo (segretario di Stato Usa, ndr) ribadirò che devono essere protagonisti”, ha concluso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»