Il ‘bastardo di Pizzofalcone’ Gassmann è cittadino onorario di Napoli

https://youtu.be/rn6IbTbkkywNAPOLI - "Negli ultimi anni, Napoli è diventata una grandissima novità nella mia vita. Conoscevo la città perché ci venivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/rn6IbTbkkyw

NAPOLI – “Negli ultimi anni, Napoli è diventata una grandissima novità nella mia vita. Conoscevo la città perché ci venivo una volta all’anno per il teatro, ma era una conoscenza molto superficiale. Lavorare in una serie importante e di successo come ‘I bastardi di Pizzofalcone’ mi ha permesso finalmente di vivere in questa città, al centro storico”. Così Alessandro Gassmann, da oggi cittadino onorario di Napoli, intervento a Palazzo San Giacomo in occasione della cerimonia di conferimento. 

Dopo poco più di un mese dalla delibera, datata 15 novembre, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha formalizzato in sala Giunta la consegna della cittadinanza alla presenza, fra gli altri, di Nino Daniele, assessore comunale alla Cultura, e Maurizio de Giovanni, autore de ‘I bastardi di Pizzofalcone’. 

“Gassmann – si legge nella delibera approvata all’unanimità dalla giunta comunale – ha manifestato, in molte occasioni, il suo affetto, la sua vicinanza ed il suo amore per Napoli. Il sindaco, interpretando i sentimenti di amicizia e di ammirazione dei napoletani, intende assegnare un doveroso riconoscimento al suo attaccamento ed alle sue numerose dichiarazioni pubbliche di affetto per Napoli”. Una città che lo stesso attore romano ha definito “vivacissima, con un’infinità di eventi culturali ed una ricchezza teatrale che altrove se la sognano”.

di Elisa Manacorda

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»