Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gaffe all’assemblea del Pd, non c’è la sedia per Gentiloni VIDEO

Quando Renzi lo chiama sul banco della presidenza, il cronista della DIRE assiste a un 'classico' della politica: la ricerca della sedia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il premier Paolo Gentiloni partecipa all’assemblea nazionale del Pd dal banco della presidenza, tra il segretario Matteo Renzi e il vicesegretario Debora Serracchiani. Ma la collocazione del premier e’ oggetto di una piccola gaffe da parte degli organizzatori: il posto per Gentiloni, infatti, non era inizialmente contemplato.

Cosi’ quando Renzi lo chiama sul banco della presidenza, il cronista della DIRE assiste a un ‘classico’ della politica: la ricerca della sedia.

Guerini, generoso, si offre di scalare di un posto. Ma finirebbe per occupare la sedia del capogruppo dem alla Camera Ettore Rosato. Quest’ultimo rimarrebbe senza posto. Intanto Serracchiani si incarica di cercare una sedia per Gentiloni e la trova dall’altro lato della presidenza. Il premier puo’ quindi accomodarsi accanto al segretario Renzi. Resta da trovare la sedia per Rosato. Intanto Orfini richiama tutti a prendere posto. Guerini chiede tempo: “Aspetta un attimo, Matteo…”, quindi coprendosi con le mani la bocca gli dice: “La sedia!”. Pochi attimi e lo stallo si risolve. Spunta una sedia per Rosato dalla platea. Si parte.

I video dell’Agenzia DIRE 




di Alfonso Raimo, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»