Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Imprese e giovani innovatori, Ferrieri: “Quarta edizione premio Angi”

Numerose le eccellenze presenti nel nostro Paese, tanti i giovani che si stanno dando da fare per rilanciare l’economia italiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa iniziativa, giunta ormai alla sua quarta edizione, dimostra ancora di più l’importanza di investire nei giovani e nell’innovazione, con l’obiettivo di poter valorizzare le eccellenze ed i talenti italiani” spiega Gabriele Ferrieri, presidente dell’Angi, l’Associazione nazionale dei giovani innovatori, intervistato sulla 4^ edizione del premio alle migliori imprese. Una iniziativa che, come ogni anno, ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio, del Parlamento Europeo e della Commissione Europea, “con l’obiettivo di dare anche una voce alle Istituzioni e, soprattutto, rafforzare il dialogo pubblico-privato per mettere solide basi al rilancio dell’ecosistema Paese”.

“Un premio- aggiunge- che, pertanto, vuole rappresentare questo ‘humus culturale’ tra tutti gli stakeholders del mondo dell’innovazione, con l’obiettivo di dare voce a delle eccellenze progettuali da tutta Italia, da nord a sud, valorizzando i giovani innovatori, visionari e che vogliono portare avanti i loro progetti di impresa”.

Ferrieri spiega inoltre che “la conferenza stampa di presentazione si terrà il 24 novembre presso il Centro studi americani, alla presenza di testimonianze del mondo dell’imprenditoria e delle Istituzioni, con la nostra, come ogni anno, ‘special guest’, in rappresentanza delle giovani donne imprenditrici e manager per l’Innovation Leader Award, ed il primo dicembre all’Ara Pacis per la cerimonia di consegna dei premi, con tutto il gotha delle eccellenze e della rete dell’associazione”.

Numerose le eccellenze presenti nel nostro Paese, dunque, tanti i giovani che si stanno dando da fare per rilanciare l’economia italiana. Il presidente dell’Angi, Gabriele Ferrieri, sottolinea di aver seguito quattro principali linee per questa quarta edizione: “Da un lato la sostenibilità, per poter essere accanto ai bisogni ed alla salvaguardia del pianeta, dunque imprese che aiutino a valorizzare l’ambiente, a diminuire le emissioni di CO2, a rendere più smart e soprattutto rispettose dell’ambiente le nostre città, per renderle più intelligenti, inclusive e sicure. Valorizzare chiaramente il ruolo dell’imprenditoria e managerialità femminile, quindi combattendo il ‘gender gap’, dando voce a tutti i giovani visionari del Mezzogiorno, per rilanciare una territorialità importante. E, chiaramente, tutta la transizione ecologica digitale, una delle maggiori voci di spesa del Piano nazionale di ripresa e resilienza di cui l’Italia, con i suoi 209 miliardi, è uno dei principali beneficiari”.

Uno sguardo, infine, alla giornata del primo dicembre, con Ferrieri che rende noto che “l’obiettivo è sempre quello di coinvolgere figure del mondo dello sport, per portare anche una visione motivazionale per i giovani, esponenti del mondo social e della comunicazione che porteranno, tra l’altro, esempi importanti di come stiano cambiando i nuovi canali di comunicazione digitale, poi esperienze di innovazione sociale, per cercare anche di valorizzare questo aspetto, esponenti del mondo del Vaticano, per dare una validazione anche dal punto di vista etico ed educativo, esponenti del mondo dell’università, per favorire al meglio la formazione e, soprattutto, tante importanti aziende che, all’insegna dell’Open innovation, auspichiamo possano anche dare un importante volano di accelerazione a tutte le grandi imprese innovative che andremo a premiare”.

“Il tutto- conclude il presidente dell’Associazione nazionale giovani innovatori- unito con la voce delle Istituzioni che, come sempre, porteranno la propria rappresentanza e soprattutto vicinanza e sensibilità a questi temi che sono fondamentali per il futuro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»