Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Orlando difende il reddito di cittadinanza: “Abusi odiosi, ma strumento importante contro la povertà”

"Ritengo che si debba riflettere con laicità su un istituto che ha limiti, come tutti gli istituti, ma che oggettivamente risponde al problema della povertà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gli abusi sul reddito di cittadinanza non cancellano la finalità dell’istituto, le cui ragioni ritengo vadano sostenute“. Il reddito di cittadinanza “è un importante strumento di contrasto alla povertà”. Lo dice il ministro del Lavoro Andrea Orlando in un’informativa alla Camera.

I poveri esistono– prosegue Orlando- e sono generati da un sistema, che si può discutere e correggere ma produce povertà e questo è un dato che si può affrontare o ignorare. In questi anni ci siamo dati questo strumento, che come tutti gli strumenti è migliorabile, ma senza strumenti questo dato sarebbe solo fonte di disperazione e rassegnazione”.

Sul reddito di cittadinanza, aggiunge ancora Orlando, “si sono verificate irregolarità, comportamenti fraudolenti e abusi odiosi” che “impongono di rivedere in maniera più rigorosa i controlli”. Quei casi “hanno compromesso il fine di equità sociale della misura e la reputazione stessa della misura”, poi “una campagna politica ha messo in discussione la reputazione complessiva di tutti i percettori”.

“Siamo ovviamente disponibili ad accogliere il contributo che il parlamento vorrà offrire nel corso dell’iter di approvazione della legge di bilancio. Siamo disponibili perché ritengo che si debba riflettere con laicità su un istituto che ha limiti, come tutti gli istituti, ma che oggettivamente risponde al problema della povertà“, conclude Orlando.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»