Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Croce Rossa Napoli: “Boom ambulanze abusive e rischio infiltrazioni criminali”

Richieste cifre esorbitanti: dai 400 euro per un trasporto molto breve a 1000 euro per trasporti comunque urbani o suburbani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Ci sono ambulanze che non hanno i requisiti adeguati. Sono associazioni improvvisate rispetto a grandi organizzazioni come può essere la Croce rossa. La gestione è spesso affidata a personaggi particolari che in alcuni casi fanno parte della bassa manovalanza della criminalità organizzata napoletana. Sono anni che lo denunciamo, con esposti alla procura e alle autorità, invece con l’emergenza Covid ci sono chiaramente più richieste di intervento e questa situazione è peggiorata, si è ulteriormente aggravata. Le infiltrazioni criminali in alcune aree persistono”. Lo denuncia all’agenzia Dire il presidente della Croce Rossa di Napoli Paolo Monorchio. Molte di queste associazioni “non hanno autorizzazioni sanitarie – sottolinea -, non dispongono di personale qualificato, non hanno alcun requisito che viene richiesto e che è invece previsto per le ambulanze e per il personale che deve occuparsi del soccorso. Si improvvisano trasportatori”. Monorchio considera “inaccettabili” le cifre che vengono richieste da questi privati per il trasporto dei pazienti e parla di una speculazione in atto ai danni dei cittadini campani.

LEGGI ANCHE: Covid, de Magistris: “Napoli può essere una polveriera, il governo sottovaluta la situazione”

“Richiedono cifre esorbitanti: partiamo dai 400 euro per un trasporto molto breve e arriviamo anche a 1000 euro per trasporti comunque urbani o suburbani. Sono prezzi inaccettabili”. Il presidente della Croce Rossa chiede alle autorità di “verificare le autorizzazioni e i requisiti del personale a bordo di questi mezzi: nessuno si può improvvisare soccorritore”. La Croce Rossa di Napoli ricorda che le numerose denunce sporte in epoca pre Covid non hanno prodotto risultati “nonostante – racconta Monorchio – questi mezzi fossero presenti perfino davanti a grandi ospedali napoletani come il Cardarelli e il Loreto Mare. Alcune persone ci impedivano di sostare fuori ai nosocomi. Ancora oggi in diversi ospedali ci sono dei bigliettini da visita o adesivi di associazioni con ambulanze private disponibili h24. Capisco che ci siano molte persone anche disperate in questo momento di difficoltà, sono qui a Napoli come in tante altre città italiane, ma nelle altre regioni queste cose non succedono. Servono maggiori controlli e chiediamo alle autorità di intervenire”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»