“Donne di Ipazia”, libro su ricerche dell’Università Niccolò Cusano /VIDEO

Entro il 25 novembre il termine per presentare nuove ricerche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le donne al centro. E’ appena terminato il ciclo di seminari organizzati da Ipazia, l’Osservatorio sulle questioni di genere dell’Universita’ Niccolo’ Cusano: una serie di incontri rivolti in particolare agli studenti di Economia aziendale ed Economia delle aziende pubbliche. “Anche quest’anno abbiamo avuto ospiti imprenditrici che hanno raccontato la loro esperienza- spiega la professoressa Paola Paoloni, responsabile scientifica di Ipazia- Sono stati toccati numerosi argomenti, tra cui start up, etica e competitivita’”.

Ma l’attivita’ dell’Osservatorio non si ferma alla didattica: spazio anche all’attivita’ di ricerca, che inizia a dare i suoi frutti. Infatti “e’ appena stato pubblicato ‘I mondi delle donne – Percorsi interdisciplinari’, un volume che racchiude tutti gli studi condotti finora e il lavoro fatto in quasi due anni di vita di Ipazia grazie alla rete di docenti nazionali e internazionali che hanno aderito'”. In attesa di marzo 2017, quando si svolgera’ il terzo workshop sulle questioni di genere. “Come gli altri due- ricorda Paoloni- avra’ carattere interdisciplinare. Abbiamo da poco lanciato una call rivolta a tutti i ricercatori interessati a partecipare al progetto: c’e’ tempo fino al 25 novembre per l’invio degli abstract sugli studi di genere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»