David Beckham, è lui il più bello della Terra secondo la rivista People

Roma - Esiste un modello di bellezza maschile di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

david-beckham-sexyRoma – Esiste un modello di bellezza maschile di riferimento e a livello planetario? La risposta è ‘sì’, almeno per la rivista People. Un modello che, per questo 2015, ha anche un nome e risponde a quello di David Beckham. È l’ex calciatore l’uomo più sexy della Terra, l’uomo dei sogni che tutte vorrebbero incontrare.

 “E’ il più bel momento della mia carriera”, ha detto Beckham durante il talk show ‘Jimmy Kimmel Live!’, nel corso del quale è stato fatto l’annuncio. “Ovviamente vorrei ringraziare i miei genitori per avermi messo al mondo. E poi, la mia parrucchiera, il mio stilista e il Photoshop”, ha proseguito scherzando dando anche senso di autoironia e di chi, in fondo, non si prende troppo sul serio.

 Beckham – 40 anni il 2 maggio scorso – non è nuovo nel primeggiare le classifiche più disparate: è giunto secondo nella classifica del Pallone d’oro 1999 e nella graduatoria del FIFA World Player 1999 e 2001. Pelè, uno che di calcio se ne intende, lo ha inserito nella FIFA 100, la classifica dei calciatori più forti di sempre, nel 2008 è stato quinto nella lista delle 100 celebrità più influenti stilata dalla rivista statunitense Forbes, mentre il TIME lo ha inserito nel “TIME 100 Heroes & Icons” dell’anno 2004.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»