Sport, il pubblico torna negli stadi. Spadafora: “Agli internazionali di Roma mille spettatori”

Il pubblico potrà assistere "a tutte le competizioni sportive che si terranno all'aperto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Finalmente, già a partire dalle semifinali e dalle finali degli Internazionali di tennis, potranno assistere mille spettatori a tutte le competizioni sportive che si terranno all’aperto e che rispetteranno scrupolosamente le regole previste in merito a distanziamento, mascherine, prenotazione dei posti a sedere: un primo, ma significativo passo verso il ritorno, speriamo presto, alla normalità nello sport”. Lo annuncia il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora.

Nelle prossime ore verrà ufficializzata la decisione– ha aggiunto Spadafora- ma desidero sin da subito ringraziare il ministro Speranza per la collaborazione e il Comitato Tecnico scientifico per aver tempestivamente programmato l’audizione che ho richiesto”. La decisione del Cts, infatti, segue la riunione di martedì scorso, in cui è stato audito il Capo Dipartimento per lo Sport.

“Dal confronto con i rappresentanti dei miei uffici- ha spiegato il ministro- sono emerse le condizioni per un ulteriore approfondimento delle questioni riguardanti il mondo sportivo e per la condivisione del nostro punto di vista in merito all’esigenza di non differenziare tra eventi culturali ed eventi sportivi“.

La presenza di mille spettatori sarà possibile già alle ultime fasi degli Internazionali in corso al Foro Italico a Roma, ma il pubblico potrà assistere “a tutte le competizioni sportive che si terranno all’aperto e che rispetteranno scrupolosamente le regole previste in merito a distanziamento, mascherine, prenotazione dei posti a sedere: un primo, ma significativo passo verso il ritorno, speriamo presto, alla normalità nello sport”.

Infine, ha concluso Spadafora, “auspico il più rapido compimento di tutte le azioni necessarie per rendere immediatamente applicabile quanto deciso“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»