Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Afghanistan, Giarrizzo (EI): “Andremo avanti con il ponte aereo umanitario”

ponte aereo afghanistan
"Nei prossimi giorni l'impegno è quello di portare il maggior numero di cittadini afghani in Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il deteriorarsi della situazione in Afghanistan ha portato il ministro della Difesa a chiedere al Capo di stato maggiore di Difesa, il generale Ricciarelli, l’evacuazione d’emergenza del personale dell’ambasciata italiana e di tutti i cittadini italiani“. Lo spiega il colonnello Diego Antonio Giarrizzo del Comando operativo di vertice interforze parlando ai giornalisti al terminal T5 dell’aeroporto di Fiumicino dove arrivano i voli organizzati da Kabul per il rientro del personale italiano e dei cittadini afghani che hanno collaborato con i connazionali.

“Contemporaneamente- prosegue Giarrizzo- è stato attivato anche un ponte aereo umanitario per i cittadini afghani e i collaboratori dell’Italia. Oggi è previsto l’arrivo di 85 di loro e nei prossimi giorni l’impegno è quello di portare il maggior numero di cittadini afghani in Italia. Stiamo facendo di tutto, molto dipende dalle condizioni di sicurezza dell’aeroporto di Kabul”.

Il numero iniziale di persone da trasportare “era di qualche centinaio- prosegue- e, da giugno, avevamo iniziato le operazioni di rientro, ma pian piano questo numero va incrementando perché sono sempre di più i collaboratori e i cittadini che hanno bisogno“.

Le operazioni non hanno una scadenza, ma andranno avanti “fin quando saremo in grado e le condizioni di sicurezza lo permetterano”, spiega Giarrizzo. Al momento la situazione all’aeroporto di Kabul “è molto più tranquilla, abbiamo una proficua collaborazione con le forze degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e della Turchia”, segnala il colonnello, “all’interno dell’aeroporto la situazione è tranquilla, tuttavia all’esterno, fuori dai vari ingressi dell’aeroporto controllate dai militari delle suddette nazioni, ci sono delle resse di persone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»