VIDEO | Assenteismo all’Ospedale di Monopoli: 46 indagati

I carabinieri hanno accertato casi di dipendenti che non timbravano il cartellino o che lo timbravano per poi allontanarsi. In altri casi a timbrare per loro erano altre persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sono complessivamente 46 gli indagati nell’inchiesta condotta dai carabinieri e coordinata dalla procura di Bari che ha svelato “condotte diffuse e sistematiche di assenteismo” tra le corsie e gli uffici dell’ospedale San Giacomo di Monopoli, in provincia di Bari.

Tra ottobre 2018 e lo scorso gennaio, supportati dai video registrati dalle telecamere di sorveglianza della struttura, i carabinieri hanno accertato casi di dipendenti che non timbravano il cartellino o che lo timbravano per poi allontanarsi dal posto di lavoro e raggiungere il bar o per svolgere faccende personali. In altri casi a timbrare per loro erano altre persone. Le accuse – a vario titolo e in concorso – sono truffa aggravata ai danni dello Stato commessa in violazione dei doveri inerenti un pubblico servizio, false attestazioni e certificazioni sulla propria presenza in servizio commesse da dipendente della pubblica amministrazione, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e peculato.



Ai domiciliari sono finiti primari e aiuto primari Angelamaria Todisco (servizio Immunotrasfusionale), Gianluigi Di Giulio (Radiodiagnostica), Rinaldo Dibello (Gastroenterologia), Egidio Dalena (Otorinolaringoiatria), Girolamo Moretti (Radiodiagnostica), Vincenzo Lopriore (Cardiologia), Sabino Santamato (Ginecologia) e Leonardo Renna (Ginecologia), Antonio Bosio (operatore tecnico della Direzione sanitaria), Anna Pellegrini (assistente amministrativo), Gianluca Sardano (collaboratore amministrativo – professionale) e Giuseppa Meuli (infermiera). Un altro dirigente medico coinvolto nell’inchiesta è all’estero e sta rientrando: è anche lui destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari. Altre venti persone (dieci medici, cinque infermiere, tre autisti di ambulanza, un operatore tecnico e un parcheggiatore abusivo) sono state sottoposte all’obbligo di dimora.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»