Tg Lazio, edizione del 18 maggio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, NEL LAZIO IN 12 ORE OLTRE 100MILA PRENOTAZIONI 48-51ENNI

Corre veloce la campagna vaccinale contro il covid nel Lazio. Questa notte, in dodici ore, sono state oltre 100mila le prenotazioni per le classi di età tra i 48 e 51 anni. In totale sono state superate le 2,7 milioni di somministrazioni. La Regione Lazio fa sapere che “in settimana sarà raggiunto il traguardo del 40% di prime dosi sull’intera popolazione, e il 20% di seconde dosi, sempre sull’intera popolazione. Sono stati, inoltre, recuperati dai medici di medicina generale oltre 30mila over 80 che non si erano prenotati”.

VACCINO, ATTIVISTI SOTTO SEDE PFIZER: BREVETTI SIANO PER TUTTI

Un gruppo di attivisti dei collettivi antagonisti questa mattina ha inscenato un blitz davanti alla sede Pfizer di Roma, esponendo degli striscioni e chiedendo “una campagna vaccinale senza brevetti, gratuita ed accessibile a tutti”. I manifestanti sostengono che le case farmaceutiche “abbiano fatto profitti sulla pelle e sulla salute dei lavoratori, negando il diritto alla salute alla stragrande maggioranza della popolazione nel pianeta”. Venerdì è prevista una nuova manifestazione di piazza per rivendicare il diritto alla salute.

TRASPORTI, DOPO STOP PANDEMIA SUI MEZZI ATAC TORNANO CONTROLLORI

Tornano i controllori sui mezzi pubblici di Roma. Dopo lo stop di oltre un anno causato dalle norme anti Covid, a partire da oggi Atac riattiverà i servizi di verifica dei titoli di viaggio a bordo di autobus, tram e metropolitane. La decisione di far ripartire i controlli è stata presa dopo aver elaborato un protocollo di sicurezza a tutela di dipendenti e clienti, in modo che si possa svolgere l’attività senza rischi sanitari. Le verifiche a bordo, prima della pandemia, avevano segnato un trend positivo. I passeggeri controllati nel 2019 erano stati circa 4 milioni, il 38% in più del 2018 e il 61% in più rispetto al 2017.

DISABILI, SIT-IN DEI VERDI: SCALE MOBILI E ASCENSORI METRO FERMI

Decine di scale mobili ferme, ascensori bloccati, assenza di montascale. E’ una situazione “non degna di una Capitale europea” quella fotografata dai militanti di Europa Verde che oggi si sono dati appuntamento per un sit in davanti alla stazione Castro Pretorio per protestare contro la mancata accessibilità per le persone disabili nelle stazioni dell’intera rete. “Siamo qui- ha spiegato Guglielmo Calcerano, portavoce di Europa Verde di Roma- per chiedere che tutte le stazioni siano accessibili alle persone con disabilità. A Roma, a marzo 2021, abbiamo avuto 186 impianti di traslazione completamente fermi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»