Omicidio Sacchi, il processo rinviato al 9 giugno

In Aula i genitori del ragazzo ucciso a Colli Albani e anche Anastasia, imputata per reati di droga: "Non ci ha degnato di uno sguardo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È stato rinviato al prossimo 9 giugno il processo per la morte di Luca Sacchi, il personal trainer ucciso nell’ottobre scorso con un colpo di pistola alla testa davanti ad un pub nella zona di Colli Albani, a Roma.

La Prima Corte d’Assise ha deciso per il rinvio in modo da consentire alle parti di presentare la loro lista testi ma soprattutto di visionare copia dell’ultima perizia del Ris dei Carabinieri che indagano sul caso.

LEGGI ANCHE Omicidio Sacchi, giudizio immediato per 6 persone: c’è anche Anastasia

“NON CI HA DEGNATO DI UNO SGUARDO”

“Ci ha fatto male rivedere Anastasiya. Così fredda. Non ci ha nemmeno degnato di uno sguardo”. Così i genitori di Luca Sacchi, in aula oggi per l’avvio del processo sulla morte del giovane. La famiglia Sacchi presente in aula era accompagnata dai legali Paolo Salice e Armida Decina.

LEGGI ANCHE Omicidio Sacchi, la madre di Luca: “Da Anastasia parole brutte, si commentano da sole”

La ragazza e’ imputata per reati di droga ed e’ parte civile nel processo, ha lasciato il tribunale senza rilasciare dichiarazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»