Nel 2015 bruciati più di 1000 ettari. “Dateci un altro canadair”

GENOVA - Una lettera con la richiesta della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

incendio

GENOVA – Una lettera con la richiesta della dislocazione permanente di un secondo canadair sul territorio ligure è stata inviata al capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, dal presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, e dagli assessori alla Protezione civile e all’Agricoltura, Giacomo Giampedrone e Stefano Mai, “per arrivare preparati alla stagione estiva e per assicurare un rapido ed efficace intervento di spegnimento per la salvaguardia del territorio e della pubblica incolumità per tutto l’arco dell’anno”.

Nel 2015 gli incendi registrati in Liguria sono stati 235 e la superficie percorsa dal fuoco è stata di 1.061 ettari, di cui 781 (il 73,6%) solo nella provincia di Imperia. “Nonostante il costante impegno del volontariato, del Corpo forestale dello Stato e dei Vigili del fuoco e i gemellaggi stretti con gli Aib di Piemonte e Lombardia che assieme ai velivoli regionali hanno assicurato il contenimento dei focolai- dicono Giampedrone e Mai- la scorsa estate l’alto numero di incendi ha messo a dura prova il sistema di antincendio boschivo. Per questo, riteniamo necessario rafforzare in modo permanente la flotta aerea dislocata in Liguria, anche per dare eventuale supporto alle regioni limitrofe vista la nostra posizione baricentrica”.

canadair2

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»