Caldoro: abbiamo una nuova Sanità campana, pronti ad assumere

"Adesso bisogna intervenire sul personale. Non hanno più senso regole ottuse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

caldoro“Adesso bisogna intervenire sul personale. Non hanno più senso regole ottuse che da anni danneggiano la nostra sanità. Noi siamo pronti ad assumere giovani medici ed infermieri. Abbiamo avviato una riorganizzazione e razionalizzazione senza precedenti, ridotto gli sprechi, abbiamo le carte in regola. Abbiamo, anche grazie al contributo di uomini e donne della sanità che ogni giorno fanno un lavoro straordinario, aumentato i livelli delle prestazioni, tra mille difficoltà”. Così il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro commenta la diffida al ministero dell’Economia.

“Il governo deve cambiare strategia- ha aggiunto Caldoro- La situazione non è più sostenibile. Con meno risorse e meno personale non si può dare migliore sanità. Con il ministero della Salute, attento e sensibile al tema, abbiamo avviato una nuova fase di equilibrio di bilancio e di riorganizzazione. Nei prossimi anni, se saranno mantenuti i patti, la Campania finirà di subire le ingiustizie sulla ripartizione del fondo.
“La nostra è una diffida, al Governo, al ministero della Economia in particolare. Sono certo non faranno mancare il loro sostegno le forze politiche e sindacali. E’ una battaglia che non ha colore, fatta solo per i cittadini della Campania”, conclude Caldoro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»