Aeronautica, presentato il nuovo logo delle Frecce Tricolori

ROMA  - Un'inconfondibile scia tricolore che disegna e sottolinea il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

logo frecceROMA  – Un’inconfondibile scia tricolore che disegna e sottolinea il cinquantacinque nel cielo, questo il logo creato per festeggiare i 55 anni di acrobazie aeree delle Frecce Tricolori. Il disegno rappresenta il Tricolore in volo nel cielo a cui gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare si affidano con la prospettiva dell’infinito – il numero 8 disteso-, per tramandare incessantemente, di generazione in generazione, i valori della Patria e la solennità della sua storia.

Il logo è stato presentato dal comandante della Pattuglia Acrobatica Nazionale (Pan) Jan Slangen, mercoledì 18 febbraio a Roma, direttamente al capo di stato maggiore dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Pasquale Preziosa, e accompagnerà la PAN per l’intera stagione acrobatica 2015 che avrà come momento più significativo la celebrazione di questo importante anniversario sabato 5 e domenica 6 settembre.

Un compleanno speciale che darà vita ad una manifestazione aerea presso l’aeroporto militare di (Ud), cui parteciperanno alcune delle pattuglie acrobatiche più prestigiose al mondo e le principali realtà industriali ed aerospaziali italiane. Sarà inoltre allestita una mostra statica con velivoli storici, aerei civili e militari. Un grande evento che terrà tutti con il naso all’insù e il fiato sospeso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»