Omicidio Sacchi, i legali: “Dalle parole del testimone non emerge un coinvolgimento di Luca”

I legali della famiglia Sacchi intervengono con una nota sulle ultime dichiarazioni rilasciate da Domenico Costanzo Marino Munoz
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il testimone riferisce esclusivamente proprie impressioni non indicando alcun elemento concreto da cui poter desumere un eventuale e presunto coinvolgimento di Luca Sacchi nella vicenda. Questa è la terza dichiarazione diversa rilasciata da Munoz. Ciò che emerge, invece, in maniera inequivocabile, è che è stato lui a ritardare l’ingresso di Luca nel pub per via di una sigaretta, senza cui il giovane Sacchi sarebbe entrato all’interno del locale e quasi certamente non si sarebbe imbattuto in Del Grosso. Nei giorni scorsi abbiamo convocato Munoz per essere ascoltato mediante indagini difensive, ma egli ha preferito non presentarsi senza addurre alcuna giustificazione”. Così i legali della famiglia Sacchi, Armida Decina e Paolo Salice, intervengono con una nota sulle ultime dichiarazioni rilasciate da Domenico Costanzo Marino Munoz, ascoltato come testimone nell’ambito delle indagini sull’omicidio a Roma di Luca Sacchi.

LEGGI Omicidio Sacchi, il testimone: “Quella sera facevano cose poco lecite”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»