L’allarme di Cgil, Cisl e Uil: “Roma-Lido e Roma-Viterbo a rischio collasso”

"L'incubo puo' peggiorare, la situazione puo' diventare insostenibile", denunciano i sindacati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le ferrovie concesse, la Roma Lido e la Roma Viterbo, rischiano il collasso e le conseguenze ricadono quotidianamente sui cittadini e i pendolari che usufruiscono del servizio. Lo stato delle infrastrutture, dei convogli e delle stazioni e’ pessimo, nonostante l’impegno profuso da parte dei lavoratori; la ripartizione degli orari e la bigliettazione non seguono nessun criterio; l’affollamento e i ritardi sono lo standard. Non a caso le due linee sono classificate ogni anno tra le peggiori d’Italia. L’incubo puo’ peggiorare, la situazione puo’ diventare insostenibile: la linea potrebbe chiudere per motivi di sicurezza”. Cosi’, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio, la Cisl del Lazio e la Uil del Lazio. “Sono anni che le organizzazioni sindacali di settore e cittadini, studenti, lavoratori e pendolari chiedono di avviare i cantieri e di sistemare le infrastrutture dei trasporti – continua la nota -. Dobbiamo bisogno mettere in sicurezza le linee e acquistare nuovi convogli. Sarebbe paradossale che le istituzioni preposte al corretto funzionamento della pendolarismo decidessero di chiudere, senza un progetto definito, una linea che serve migliaia di cittadini e di studenti, oltre chi la usa per raggiungere i luoghi di cura. Siamo in attesa di una convocazione da parte della Regione affinche’ le infrastrutture dei trasporti vengano urgentemente adeguate alle norme di legge con adeguati investimenti. Ci opporremo a qualsiasi chiusura che non sia accompagnata da un sistema di mobilita’ alternativa. Riteniamo fondamentali le infrastrutture per migliorare il servizio e dare ai pendolari una trasporto all’altezza. Chiediamo pero’ che i disagi per i pendolari siano contenuti il piu’ possibile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»