Il generale Pappalardo rinviato a giudizio per vilipendio del Capo dello Stato

Il portavoce del movimento '9 Dicembre - Forconi' ha offeso l'onore e il prestigio del capo dello Stato e istigato ad arresti illegali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il generale di brigata in congedo dall’Arma dei Carabinieri, Antonio Pappalardo, è stato rinviato a giudizio per l’accusa di vilipendio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La decisione è stata del Gup del tribunale di Roma su richiesta del pm Sergio Colaiocco.

LEGGI ANCHE: Adesso il Generale Pappalardo vuole processare pure Bruno Vespa e Fabio Fazio

In particolare, secondo gli inquirenti, l’anziano ex alto ufficiale quale portavoce del movimento ‘9 Dicembre – Forconi’ e come presidente del movimento ‘Liberazione Italia’ ha offeso all’onore e al prestigio del capo dello Stato. In particolare, Pappalardo il 21 dicembre 2017 si presentò al Quirinale per notificare “un verbale d’arresto a carico di Mattarella per il delitto di usurpazione di potere politico, definendolo, in presenza di più persone, un usurpatore”.

LEGGI ANCHE: Dai forconi alla forchetta… pranzo al Senato per il generale rivoluzionario Antonio Pappalardo

Pappalardo fuori dall’aula ha spiegato: “Ho chiesto io stesso al giudice di andare a processo. Voglio capire se ci sarà un giudice che mi spiegherà se quello che ho fatto è un qualcosa di illegale o meno. Oppure è lo stesso Mattarella ad esser stato votato da un Parlamento illegittimo? Questa domanda merita o meno risposta? Sono tutti incompetenti?”. Pappalardo risulta indagato anche per aver istigato, “mediante la diffusione di video sui social network ed una intervista rilasciata ad un quotidiano il 22 ottobre 2017”, gli appartenenti alle forze dell’ordine ad arrestare i membri del Governo e del Parlamento “perché da lui ritenuti privi di legittimazione” sulla base di una sentenza della Corte costituzionale del 2014.

Pappalardo è accusato anche di aver consegnato quell’ordine di cattura popolare, di averlo presentato al comandante della stazione dei carabinieri di Abano Terme e di averlo inviato, per posta elettronica, ai comandi dell’Arma in tutta Italia. Secondo il pubblico ministero, Pappalardo avrebbe, sulla base di quel documento, imposto ai comandanti di dare esecuzione all’ordine “così istigandoli a commettere un arresto illegale perché compiuto abusando dei poteri inerenti le loro funzioni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»