A settembre a Figline Valdarno la moschea da mille posti

Per agevolare l'insediamento del nuovo luogo di culto, il Comune si fara' promotore di alcuni incontri tra i negozianti e la comunita'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una moschea da mille posti a Figline Valdarno, in provincia di Firenze. Sara’ inaugurata a settembre e sorgera’ su un vecchio fondo commerciale di 600 metri quadrati che la comunita’ valdarnese ha acquistato all’asta per un valore di 300.000 euro, fondi raccolti attraverso l’autofinanziamento (alle spese ha contribuito anche la comunita’ islamica fiorentina).

La struttura, come riportato oggi dal Corriere fiorentino, si trova in via della Comunita’ europea, una zona commerciale di bar e negozi, alcuni dei quali non hanno digerito l’arrivo di un luogo di culto islamico.

Lo stabile e’ ancora vuoto, ma presto sara’ allestito e diventera’ una vera e propria moschea, oltre che un centro culturale dove si faranno lezioni di italiano e di arabo.

Un ruolo decisivo per l’individuazione dello stabile l’ha avuto il Comune, che da tempo, insieme alla comunita’ islamica, era alla ricerca di una struttura piu’ dignitosa rispetto a quella del centro storico, troppo piccola e angusta per ospitare i tanti fedeli. Per agevolare l’insediamento del nuovo luogo di culto, il Comune si fara’ promotore di alcuni incontri tra i negozianti e la comunita’.

(Fonte: Dires – Redattore Sociale)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»