Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Magi: “Medici di Roma pronti ad assumersi la responsabilità sulla seconda dose con AstraZeneca”

astrazeneca
Il presidente dell'Ordine dei medici della Capitale: "Si sta delegittimando il nostro ruolo, se in base alla storia del paziente riterremo di poter fare il richiamo con AstraZeneca lo faremo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se il medico ha davanti un paziente che ha ricevuto la prima dose di AstraZeneca e ritiene che abbia delle caratteristiche sanitarie per cui non riscontra problemi, non vedo perché quel paziente non debba ricevere anche la seconda dose di AstraZeneca”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato sul tema. “Questa è la nostra posizione – ha proseguito – il problema è che in questo momento abbiamo delle difficoltà di natura normativa, perché esiste una circolare pubblicata in Gazzetta Ufficiale e ci sono indicazioni arrivate dall’Aifa che mettono ancora una volta in difficoltà la capacità professionale del medico. Ma un medico deve assumersi la sua responsabilità, perché è in grado di farlo”. Ma siete pronti ad assumervi questa responsabilità? “Assolutamente sì – ha risposto Magi – Il medico deve fare il medico: lo Stato può dare anche indicazioni, ma poi è il medico, con la sua esperienza, a dover decidere cosa fare, sempre rimanendo nell’ambito delle normative previste”.

LEGGI ANCHE: Caos mix vaccinale, per Aifa under 60 possono scegliere per il ministero della Salute no

“SI STA DELEGITTIMANDO L’ATTO MEDICO”

Secondo il presidente dell’Omceo Roma, dunque, bisogna “rimettere il ‘pallino al centro’, o meglio ridare il ‘pallino’ al medico – ha spiegato – ci troviamo ancora in uno stato di emergenza e se necessario dobbiamo modificare l’organizzazione anche della campagna vaccinale”. Tra circolari del ministero e del Cts, per Magi si sta assistendo a una “delegittimazione dell’atto medico, perché il medico non può più vedere il paziente e decidere quale vaccino fargli inoculare o meno rispetto alle sue eventuali patologie. Ma è il medico che di volta in volta deve visitare il paziente, fargli un’anamnesi corretta e decidere la tipologia di vaccino in base alla sua storia sanitaria“. Insomma, è tornato a ribadire Magi, bisogna “rimettere il pallino al centro delle competenze mediche: qualunque farmaco può avere delle controindicazioni e per questo noi medici dobbiamo fare in modo di limitare il più possibile gli eventi avversi legati al vaccino”. E sui farmacisti che ora rifiutano di somministrare il vaccino, Magi ha infine detto: “Sembrava che la vaccinazione si limitasse solo all’inoculazione, che la potessero fare tutti, ma la verità è che racchiude tutta una procedura, dalla visita all’anamnesi fino al monitoraggio post-vaccino, che spetta solo al medico: chiaramente a tutela dei farmacisti e dei pazienti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»