Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Palù (Aifa): “‘Mix di vaccini tra prima e seconda dose è sicuro”

vaccino_astrazeneca
"La scienza non è democratica" e in Italia parlano in troppi, "a volte anche solo per far fare un titolo sul giornale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con una circolare firmata dal direttore della Prevenzione, Gianni Rezza, il ministero della Salute ha trasmesso la determina dell’Aifa e il parere del Comitato tecnico scientifico che, di fatto, autorizza l’utilizzo di un vaccino a mRna per il richiamo per i cittadini under 60 che hanno già ricevuto la prima dose del vaccino di AstraZeneca. Nella nota si legge che l’Agenzia italiana del farmaco ha espresso ‘parere favorevole all’inserimento nell’elenco di Comirnaty (il vaccino Pfizer) e Vaccino Covid-19 Moderna come seconda dose per completare un ciclo vaccinale misto, nei soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano già effettuato una prima dose di vaccino Astrazeneca’. Il Cts ritiene che la seconda dose possa essere somministrata in un arco di tempo compreso tra le 8 e le 12 settimane.

La somministrazione di vaccino contro il Covid “eterologa è sicura, sono usciti almeno sei lavori” che lo sostengono. Lo afferma il presidente Aifa Giorgio Palù, oggi a margine della conferenza stampa di presentazione del Comitato tecnico strategico di Veneto Sviluppo, di cui fa parte. “Non è compiacenza, ma lasciatemi dire che ante litteram il presidente e l’assessore (Luca Zaia e Manuela Lanzarin, ndr) hanno capito i dati” e di conseguenza il Veneto non ha effettuato open day per i vaccini a vettore virale, con il risultato che ora sono pochi i casi di vaccinazione eterologa. Detto questo, “lasciatemi dire che di fronte ad una minaccia pandemica il centro deve fare da regia… Io avevo suggerito al ministro (Speranza, ndr) che prendesse lui l’iniziativa in modo da chiarire che è lo Stato centrale a decidere. Invece ci troveremo domani a discutere il quesito del presidente della Regione Campania che non vuole fare la vaccinazione eterologa“, continua Palù spiegando poi che il caso sarà discusso in sede di Cts della Protezione civile, “che è un organo consultorio”.

PALÙ (AIFA): “SCIENZA NON È DEMOCRATICA

“La scienza non è democratica” e in Italia parlano in troppi, “a volte anche solo per far fare un titolo sul giornale”. Questo, secondo Palù, uno dei problemi che sta portando al calo di fiducia nel vaccino contro il Covid, ed in particolare nella vaccinazione eterologa, da parte dell’opinione pubblica. 

 PALÙ (AIFA): “PRIMA DOSE ASTRAZENECA A 930.000 UNDER 60

 In Italia ci sono “circa 930.000 soggetti under 60 che hanno fatto Astrazeneca”, e che ora dovranno quindi avere una seconda dose di vaccino a Rna messaggero. Inoltre, “serviranno circa 2,5 milioni di dosi per i soggetti tra i 12 e i 15 anni che non erano previsti in campagna vaccinale”, e quindi “evidentemente ci sarà un ricalcolo” relativo alla fine della campagna vaccinale, ha spoegato Palù, ipotizzando che la campagna possa comunque concludersi a settembre. 

PALÙ: “FARLO A MINORENNI, NON SOLO DIRITTO MA ANCHE DOVERE

 Il numero di test effettuati per approvare la somministrazione dei vaccini contro il Covid ai soggetti tra i 12 e i 15 anni “è sufficiente a dimostrare l’efficacia ma non la safety”. Ora, tuttavia, “i dati si stanno accumulando” e si sono registrati “pochi casi di reazione avversa”, afferma il presidente Aifa rispondendo alle domande della stampa in merito alla decisione della Germania di fermare la somministrazione dei vaccini contro il Covid ai minorenni. “A una famiglia direi che vaccinarsi non è solo un diritto per la nostra salute ma un dovere per la nostra comunità”, conclude Palù.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»