Matteo Salvini dagli Stati Uniti sfida l’Ue: “Taglieremo le tasse, se ne facciano una ragione”

I margini per “la flat tax ci devono essere. Non è una scelta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I margini per “la flat tax ci devono essere. Non è una scelta. Poi si puo’ decidere come modularla negli anni, ma un taglio delle tasse, non per tutti ma per tanti, dovra’ essere presente nella prossima manovra economica”. Lo dice il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini a Washington, incontrando i giornalisti. “Noi passiamo dalle grandi strategie economiche e commerciali qui a Washington, alle multine di Bruxelles- aggiunge Salvini-: visto com’è andata in Grecia, dove l’Unione europea ha ammazzato un popolo spalancando le porte ai cinesi, noi le tasse le tagliamo lo stesso. A Bruxelles se ne facciano una ragione”.

UE, SALVINI: TRATTIAMO DA PARI A PARI, OBIETTIVO È TAGLIO TASSE

“Trattiamo da pari a pari con la Ue, senza timori reverenziali. Il taglio delle tasse rimane il primo obiettivo, lo porteremo a casa”.

UE, SALVINI: SUA POLITICA AUSTERITÀ NON AIUTA

“L’atteggiamento dell’UE non aiuta. L’ostinazione sulla via dei vincoli, dei tagli, della precarietà, dell’austerità e dei vincoli agli investimenti non aiuta”

UE. SALVINI: VEDRÒ CONTE PRIMA INVIO LETTERA

“Ci vedremo con Conte prima di spedire la lettera, siamo già d’accordo”. Così Matteo Salvini in un punto stampa da Villa Firenze, residenza dell’Ambasciatore italiano negli Stati Uniti.

SICUREZZA. SALVINI: DECRETO? STO ANCORA ASPETTANDO ISPETTORI ONU…

“Sto ancora aspettando gli ispettori dell’Onu”. Così Matteo Salvini in un punto stampa da Villa Firenze, residenza dell’Ambasciatore italiano negli Stati Uniti, parlando del decreto sicurezza.

USA. SALVINI: QUI PER APRIRE CANALE DIALOGO CHE PUÒ ESSERE ENORME

“L’Italia e’ il piu’ grande Paese europeo con cui gli Stati Uniti possono e vogliono dialogare: sono qui per aprire un canale che può essere enorme”. 

USA. SALVINI: CONDIVIDO LORO PREOCCUPAZIONI SU CINA E IRAN

“Condivido le preoccupazioni dell’amministrazione americana sia nei confronti della Cina che nei confronti dell’Iran”.

USA. SALVINI: CON PENCE D’ACCORDO AL 99% VISIONE DEL MONDO

“Incontro costruttivo. Ho ribadito non il diritto ma il dovere del governo italiano di poter tagliare le tasse alle imprese e alle famiglie sul modello americano per poter competere ad armi pari e per poter allontanare alcune lusinghe economiche che arrivano da Pechino e dintorni. Penso che siamo d’accordo al 99% della visione del mondo e di quello che verrà“. Lo dice Matteo Salvini a Washington al termine dell’incontro con il vicepresidente americano Mike Pence. “Il vicepresidente si è augurato di poter lavorare e collaborare a lungo con me e con il governo italiano. L’auspicio è reciproco”, aggiunge.

RUSSIA. SALVINI: MEGLIO AVVICINARLA CHE LASCIARLA AD ESTREMO ORIENTE

“E’ più utile riavvicinare Mosca ad un sistema di valori che lasciarla nelle braccia di Pechino e agli interessi geopolitici dell’Estremo Oriente. E’ un ragionamento che ho sempre fatto e sempre farò”. 

IRAN. SALVINI: RELAZIONI IMPOSSIBILI CON CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE

“Con l’Iran le relazioni sono già cambiate. Nessuno nel 2019 si può permettere di dire che uno Stato della Terra, in questo caso Israele, deve essere cancellato. Impossibile avere relazioni con chi lo pensa”. 

DIFESA. SALVINI: SU F35 NON SI POSSONO RIMANGIARE ACCORDI

Sugli F35 “credo che gli accordi sottoscritti non si possono rimangiare. Investire in ricerca coinvolgendo forza lavoro italiana è assolutamente utile”. 

DAZI. SALVINI: OBIETTIVO TRUMP NON È ITALIA, MA PARIGI E BERLINO

“Trump guarda verso Parigi e Berlino. Penso che l’obiettivo dell’amministrazione del presidente non siano l’Italia e i prodotti italiani, mi sembra che i problemi nascano altrove”

VENEZUELA,  SALVINI: SOSTENERE CRIMINALE COME MADURO NON AIUTA

“Anche solo lontanamente dare l’idea di poter sostenere un dittatore un criminale come Maduro non serve, non aiuta nessuno”.

PAPA. SALVINI: MAI CHIESTO INCONTRI MA LO FAREI VOLENTIERI

“Ci sono stati sicuramente dei segnali di interesse da parte di strutture del Vaticano, ma non ho mai chiesto incontri al Papa. Se ci sarà questa possibilità la seguirò volentieri”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»