Giovani, Pisani: “Serve ascolto e patto per nuove opportunità” VIDEO

"Quello che chiediamo è un patto non tanto generazionale ma sociale, per offrire anche alle generazioni future una nuova opportunità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Proprio a fronte dei dati usciti in queste settimane, che delineano un contesto drammatico in cui le famiglie sono l’unico ammortizzatore sociale per i giovani, abbiamo chiesto di creare nuove opportunità”. Lo sottolinea Maria Cristina Pisani, portavoce del Forum nazionale dei giovani, che oggi ha partecipato, al centro convegni carte geografiche, al primo della serie di seminari di alta formazione dal titolo ‘Youth culture labour democracy’, promossi dalla Fondazione ‘Pietro Nenni’, dal Forum Nazionale dei Giovani, dalla UIL e da Feps (Fondation for European Progressive Studies). All’avvio di oggi sono intervenuti Massimo D’Alema e Cesare Salvi.


L’iniziativa intende “finalmente al centro del dibattito i giovani, rivolgendosi in particolar modo alle nuove generazioni e intende favorirne la formazione, il protagonismo, la partecipazione, con scambio di opinioni ed esperienze”. Per il Forum “gli ultimi provvedimenti del governo non vanno nella giusta direzione. Abbiamo provato a chiedere alle istituzioni- sottolinea Pisani- innanzitutto di ascoltare le istanze di questa generazione, che non vuole creare uno scontro tra mondi. Quello che chiediamo è un patto non tanto generazionale ma sociale, per offrire anche alle generazioni future una nuova opportunità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»