Uganda, un premio per Stella, femminista anti-Museveni in carcere

La studiosa, specializzata in antropologia medica, sta scontando una pena di 18 mesi in un carcere di Kampala per "cyber-molestie"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Stella Nyanzi, umorista, accademica e attivista ugandese per i diritti e le liberta’ sessuali, e’ la vincitrice del premio Oxfam Novib/Pen per la liberta’ di espressione. La studiosa, specializzata in antropologia medica, sta scontando una pena di 18 mesi in un carcere di Kampala per “cyber-molestie” dopo aver pubblicato su un social network un post critico sul presidente Yoweri Museveni.

“Stella Nyanzi e’ stata considerata una criminale dalle autorita’ ugandesi perche’ ha criticato chi si trova ai piani piu’ alti del potere. Le sue parole possano suonare colorite e disturbare qualcuno, ma questo non e’ abbastanza per giustificare l’imposizione di sanzioni” e’ il commento di Jennifer Clement, presidente di Pen international: “Crediamo nella necessita’ per gli scrittori di poter criticare, parodiare e schernire ai piu’ alti livelli. Questo premio riconosce il lavoro che (Nyanzi) ha fatto per le donne, la societa’ civile e la liberta’ di espressione”.

Molto seguita su internet, Nyanzi e’ famosa per la sua “brutalita’ radicale”, una particolare strategia di comunicazione usata in Uganda fin dal periodo coloniale per contestare il potere.

Nel 2017 Nyanzi ha lanciato il progetto ‘#Pads4girlsUg’ per raccogliere denaro con cui comprare e distribuire assorbenti igienici per le studentesse delle scuole ugandesi.

Un progetto scomodo per Yoweri Museveni, accusato di non aver mantenuto la promessa di fornire i sanitari agli istituti del Paese. Nell’aprile di tre anni fa, Nyanzi fu arrestata dopo un discorso pubblico tenuto per promuovere la sua iniziativa.
Rilasciata dopo circa un mese, fu nuovamente incarcerata nel 2018 con l’accusa, da lei sempre smentita, di aver offeso la madre del presidente.

La cerimonia di premiazione si e’ tenuta ieri all’Aia, dove a ritirare ha ritirato il premio il presidente di Pen Uganda, Danson Kahyana. Il riconoscimento ‘Oxfam Novib/Pen’ viene assegnato dal 2001 a “scrittori e giornalisti impegnati nella liberta’ di parola malgrado i rischi per la propria vita”. Pen international e’ un’organizzazione mondiale di scrittori fondata a Londra nel 1921.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»