Cuccarini vs Parisi, la lite sul governo e il sovranismo

ROMA - Gia' rivali sul palco, una rivalita' artistica, ma oggi oltre l'arte c'e' la politica, evidentemente. A riaccendere le polveri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gia’ rivali sul palco, una rivalita’ artistica, ma oggi oltre l’arte c’e’ la politica, evidentemente.
A riaccendere le polveri tra Heather Parisi e Lorella Cuccarini la moda del momento, almeno in politica: il ‘sovranismo’. Conquistata alla causa ‘La piu’ amata dagli italiani’, declassata dalla rivale italo-americana neanche tra le ballerine di fila ma addirittura tra le “ballerine sovraniste. O forse no, solo sovraniste”.
Lo scontro riparte dopo che Cuccarini su Oggi si e’ spesa in difesa del governo Lega-M5S. “Ma quali politiche di destra? Ha fatto piu’ cose di sinistra questo governo che quelli precedenti”, ha detto al settimanale, “siamo in austerity, abbiamo un tasso di disoccupazione altissimo, 5 milioni di poveri. E mi dite che bloccare l’immigrazione e’ di destra? È sacrosanto”. Ovviamente Matteo Salvini ha ringraziato, usando l’ultima frase per un ‘tweet fissato’ sul suo account. Ed ha aggiunto: “Sono convinto che quelle di Lorella Cuccarini siano parole di buonsenso in cui si riconosce la grande maggioranza degli italiani”. Cuccarini, dal canto suo, osserva che “la differenza non e’ piu’ tra destra e sinistra, ma tra chi pensa agli elettori e chi alle e’lite e alla finanza”. Spiega ad Oggi: “Ci ritroviamo intrappolati nel pensiero unico, che ha un disegno dietro” e l’Europa, poi, “ce l’hanno raccontata come un’idea meravigliosa” ma “ci ha impoveriti”.
E’ troppo per la collega e rivale Heather che su Twitter scrive: “Ci sono, in ordine rigorosamente di importanza, ballerine d’e’toile, ballerine soliste e ballerine di fila e, da oggi, anche ballerine sovraniste. O forse no, solo sovraniste”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»