Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coldiretti: “Una tredicesima su tre per Imu, mutui e bollette”

Aumentano del 13% gli italiani che destinano la tredicesima alle spese di Natale ed un calo del 10% di quelli che sono costretti ad utilizzarla per tasse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Piu’ di un italiano su tre (34%) che riceve la tredicesima deve destinarla prioritariamente al pagamento di tasse, mutui, rate e bollette. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè sul comportamento di spesa dei circa 33 milioni di italiani che ricevono la tredicesima in prossimità della scadenza della seconda rata di Imu e Tasi il prossimo 18 dicembre.

L’importo complessivo delle tredicesime degli italiani è stimato in 36 miliardi di euro e – sottolinea la coldiretti – il 39% dei beneficiari puo’ utilizzarla soprattutto per le spese di Natale, mentre il 19% per il risparmio e i restanti ad altro.

La situazione evidenza il peso della pressione fiscale che – continua la Coldiretti – sottrae risorse ai consumi anche nel periodo delle feste ma tuttavia si registra un miglioramento rispetto allo scorso anno. Nel 2017 si è infatti verificato – conclude la Coldiretti – un aumento del 13% degli italiani che destinano la tredicesima principalmente alle spese di Natale ed un calo del 10% di quelli che sono costretti ad utilizzarla soprattutto per tasse, mutui o bollette.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»