Bus troppo pieni? A Bologna arriva la app che ti informa sul carico

La società dei trasporti Tper sta completando i test di una app che informerà gli utenti direttamente sul cellulare del livello di carico del mezzo in arrivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dovrebbe attivarsi nelle prossime settimane la nuova app sviluppata da Tper per segnalare direttamente sul telefono quanto è pieno l’autobus in arrivo. Lo rende noto Claudio Mazzanti, assessore alla Mobilità del Comune di Bologna, rispondendo oggi in aula a Palazzo D’Accursio alla capogruppo della Lega, Francesca Scarano. “Tper è attiva con un progetto, attualmente in via di completamento della fase di test, di informazione diretta tramite smartphone, sul livello di riempimento dei bus in arrivo- spiega Mazzanti- nelle prossime settimane si prevede l’avvio del sistema, un ulteriore strumento di infomobilità di facile consultazione a disposizione dell’utenza per muoversi in città”.

LEGGI ANCHE: Bonaccini: “Non abbiamo più mezzi pubblici, per la scuola didattica a distanza o orari da differenziare”

“MAI RAGGIUNTO LIMITE 80%”

Ad oggi, comunque, “la capienza media registrata sui bus non raggiunge certamente quella massima consentita- ci tiene a precisare l’assessore- le situazioni di maggior carico si registrano solo in orari di punta. Tper continua a fare i controlli coi suoi verificatori e mai si è raggiunto il limite dell’80% della capienza“. Proprio ieri sera, ricorda Mazzanti, al vertice in Prefettura “sono state confermate le misure di controllo alle fermate e sui bus da parte delle Forze dell’ordine, in modo autonomo e con Tper. Queste azioni sono già attive con efficacia da un mese, a partire dalla ripresa delle attività scolastiche”, sottolinea l’assessore.

LEGGI ANCHE: Bus stipati, in Emilia-Romagna i sindacati attaccano: “Ridurre subito capienza mezzi”

Mazzanti ricorda poi che il tavolo ad hoc attivato in Città metropolitana “ha messo a punto in divenire molte delle situazioni più critiche che erano state segnalate da istituti, utenza e dalla stessa azienda di trasporti, che effettua un monitoraggio quotidiano su strada e non lesina alcuna risorsa a disposizione nell’adeguamento dei servizi, sia in termini di personale che di riserva di mezzi. Con la progressiva definizione e adozione degli orari scolastici definitivi sono già state appianate le principali criticità, ma il lavoro è comunque continuo”.

A Bologna, spiega Mazzanti, “sono già stati potenziati i servizi di bus e corriere anche con il coinvolgimento dei vettori privati. Oggi nel bacino di Bologna sono svolte quotidianamente 282 corse aggiuntive di bus, destinate a soddisfare la maggiore domanda negli orari di punta e sulle linee a maggior carico”. Rimane scettica però la Lega. “A parte le rassicurazioni che ci vengono fornite da settimane- risponde Scarano- la gente lamenta ancora, soprattutto per studenti e lavoratori, una situazione difficile nelle ore di punta. Vorrei conoscere i potenziamenti su linee e orari di punta”, dice la capogruppo del Carroccio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»