Roma Metropolitane, il M5S si spacca: Virginia Raggi non ha la maggioranza per approvare la liquidazione

Le fonti raccontano di fronti al momento nettamente contrapposti e di un clima pesante
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Movimento 5 stelle è spaccato su Roma Metropolitane. A quanto si apprende da fonti del M5S, la maggioranza non ha i numeri per approvare la liquidazione della società. Sarebbero contrari diversi consiglieri e anche gli uffici tecnici negli ultimi giorni avrebbero manifestato più di qualche dubbio.

Non è un caso che l’Assemblea capitolina oggi non riesca a partire: appena aperta la discussione, i lavori sono stati subito sospesi. Ed sono seguite una riunione di maggioranza e una dei capigruppo, attualmente in corso. Ufficialmente i dubbi sono di carattere formale: senza i pareri delle commissioni, slittati per ben due volte durante la giornata di oggi, è politicamente imbarazzante proseguire. In realtà, però, la spaccatura è ben più profonda e riguarda il cuore della questione: procedere o meno con la liquidazione.

Non è chiaro come il M5S ricomporrà la situazione. Le fonti raccontano di fronti al momento nettamente contrapposti e di un clima pesante. Da un lato un gruppo di consiglieri fedeli alla linea dell’assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, e del Dg, Franco Giampaoletti e dall’altro quelli più vicini alle posizioni dei “trasportisti”, il presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefano, e l’assessore ai Trasporti, Pietro Calabrese.

Le preoccupazioni all’interno della maggioranza sono di diverso tipo: dalla possibilità di continuare le opere della linea C in presenza di una società liquidata, al rischio di perdere uno schermo difensivo in caso di controversie con i costruttori, ovvero Roma Metropolitane nel suo ruolo di stazione appaltante, con il conseguente rischio di esporre il Comune a rischi finanziari milionari. E poi ci sono i dubbi sui 45 licenziamenti e sulla reale possibilità di ricollocare il personale. Su tutto questo pesano, infine, anche i dubbi su cosa succederà nell’ambito del rapporto con gli altri soggetti finanziatori, a partire dal Cipe, in assenza della stazione appaltante. Con il rischio di un commissariamento imposto dal Governo se le cose dovessero precipitare a liquidazione avvenuta.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»