Il Gen. Pappalardo: “Di Battista ci ha delusi, il padre un fascistone che mi ha tirato monetine”

Dopo le proteste, il gen. Pappalardo attacca i 5 stelle: 'Il commissario mi ha tirato via dicendo: non vede che sono fascisti e violenti? Li lasci stare'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi eravamo un migliaio in piazza e chiedevamo ai parlamentari di uscire fuori, perche’ sono tutti abusivi. Quando e’ arrivato Di Battista abbiamo provato una gioia infinita, lo abbiamo applaudito. Quando ha iniziato a dire che non voleva uscire dal Parlamento, pero’, ci ha deluso. Lui e’ scappato“.  Lo dice il Generale Pappalardo ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Universita’ degli Studi Niccolo’ Cusano.


LEGGI ANCHE:

La vendetta di Dibba padre, daje al capo dei forconi

Palazzo Montecitorio ‘assediato’ dai contestatori: prima il M5s, poi i forconi di Pappalardo

“Lasciami gridare”, e Pappalardo ruba la piazza al Movimento 5 stelle


“Poi- aggiunge- il giorno dopo la piazza era divisa tra noi e quelli del Movimento Cinque Stelle. Noi a un certo punto abbiamo dato l’annuncio dell’arresto da parte di un gruppo di nostri attivisti del noto deputato del Pd Rosato, responsabile di questa legge elettorale. Io ho dato la notizia, mi sarei aspettato un applauso e invece un gruppo di facinorosi, fascisti, violenti mascalzoni del Movimento Cinque Stelle si sono avventati verso di me per picchiarmi e il padre, fascistone, di Di Battista mi ha tirato le monete in faccia”.



“A questo punto- conclude- il commissario mi ha tirato fuori. Mi ha detto generale, non vede che sono fascisti e violenti? Li lasci stare. Io faccio un invito al popolo del Movimento Cinque Stelle. Se c’e’ qualcuno che impedisce ai parlamentari di uscire, e noi pensiamo che questi siano Grillo e Casaleggio, li devono buttare fuori. Sono pronto anche a dare una mano a Virginia Raggi se dovesse rinunciare all’appoggio di Grillo e Casaleggio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»