Recovery Plan, il piano di rilancio arriva alle camere. Conte: “Massima collaborazione”

Per il premier si tratta di "un'occasione storica e irrinunciabile" per il nostro paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se le Camere lo riterranno opportuno, il Governo è disponibile a riferire sulle linee essenziali” del piano nazionale di ripresa e resilienza “sia nella sede decentrata delle Commissioni sia nella sede plenaria dell’Assemblea”. Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella lettera che accompagna le linee guida del Pnrr, inviata al presidente della Camera Roberto Fico.

“Il documento – spiega Conte nella lettera – definisce in via preliminare e sintetica gli obiettivi strategici di lungo termine, le aree tematiche d’intervento e le azioni su cui si articolerà il Piano che l’Italia dovrà presentare all’Unione europea. Nei prossimi mesi una volta completato l’iter di approvazione dei regolamenti attuativi del Recovery Plan europeo”.

In ciascuno dei passaggi che porteranno all’approvazione del piano “nello spirito della massima collaborazione e sinergia fra il Governo e il Parlamento sarà assicurato il pieno coinvolgimento delle Camere al fine di recepirne indirizzi, valutazioni e proposte concrete d’intervento”, osserva Conte.

Il premier aggiunge che “l’attuale fase programmatoria rappresenta uno snodo strategico, un’occasione storica irrinunciabile per il successo dell’azione economica per le prospettive di crescita e di modernizzazione dell’Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»