Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Montanari: “Caprette e pecore come tosaerba in parchi e ville”

"La sindaca Virginia Raggi recentemente mi ha sollecitato l'utilizzo delle pecore e degli animali per effettuare questa attività"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Caprette e pecore come tosaerba come avviene a Berlino? “La sindaca Virginia Raggi recentemente mi ha sollecitato l’utilizzo delle pecore e degli animali per effettuare questa attività, che già viene fatta al parco della Caffarella e che vorremmo estendere agli altri parchi e alle grandi ville. E’ un modo semplice, che fanno in altre grandi città come Berlino, ci sembra giusto e interessante”. Lo ha detto l’assessore capitolino all’Ambiente, Pinuccia Montanari, rispondendo alle domande degli utenti su Facebook.

Sullo sfalcio del verde, Roma “pur avendo una buona programmazione, ha bisogno di ulteriori risorse per rispondere alle esigenze dei cittadini“, ha aggiunto Montanari, che ha anche parlato delle adozioni delle aree verdi da parte dei cittadini: “Come accade in altre città italiane i parchi vengono gestiti molto bene dai comitati dei cittadini che intervengono. In questi sei mesi abbiamo già deliberato e approvato più di 106 adozioni” perché “il ruolo della cittadinanza attiva è fondamentale. Il contributo di tutti è importante”.

LEGGI ANCHE:
Pecore usate come tagliaerba nelle aree verdi, Ferrara ci prova

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»