Roma, il Pd verso le primarie il 20 giugno: “Chi non partecipa aiuta la destra”

PRIMARIE PARTITO DEMOCRATICO
Caudo e Ciani annunciano le proprie candidature, tiepido Fassina: "Prima linee di programma per la città"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo e restiamo sempre al fianco della città nella lotta al virus ma oggi finalmente grazie agli straordinari risultati della campagna vaccinale nella nostra Regione, si riaccende la speranza che ci permette di rimetterci al lavoro per costruire insieme il mondo oltre il Covid 19, a partire dalle prossime amministrative. Per questo motivo ricordiamo che le primarie, da sempre nel DNA del PD e del centrosinistra, sono la via maestra per coinvolgere tutti gli elettori nelle scelte della nostra comunità politica”. Lo dicono, in una nota congiunta, Bruno Astorre, segretario Pd Lazio, e Andrea Casu, segretario Pd Roma a seguito di un incontro al Nazareno con Francesco Boccia, Responsabile nazionale autonomie territoriali ed enti locali della segreteria Letta.

Il futuro di Roma è il futuro dell’Italia e le prossime elezioni amministrative- proseguono gli esponenti dem- sono un appuntamento fondamentale che vogliamo affrontare al fianco di chi ha combattuto le battaglie contro il declino e il degrado degli ultimi anni. Facciamo quindi un appello, a tutte le forze di centrosinistra, per costruire oggi, insieme, le condizioni che ci permetteranno di aprire una nuova fase di riscatto per Roma. Per questo abbiamo deciso di convocare per martedì prossimo il tavolo di coalizione dove proporremo, come data per le primarie, il 20 giugno”, sottolinea il segretario romano Andrea Casu.

“Le primarie si dovranno svolgere in piena sicurezza ma siamo convinti che non possiamo permettere al virus di fermare la democrazia. Inoltre- concludono Astorre e Casu- anche tutti i nuovi sondaggi realizzati, ci consegnano una consapevolezza: il Pd è saldamente il primo partito della Capitale e il centrosinistra, unito, può vincere ogni sfida. Con un monito: chi deciderà di sottrarsi a questo percorso favorisce, unicamente ed irresponsabilmente, le destre verso la corsa al Campidoglio”.

LEGGI ANCHE: Roma, Calenda strappa con il Pd: “Nostre strade si separano”

CAUDO: BENE PRIMARIE CENTROSINISTRA, CONFERMO PARTECIPAZIONE

“Le primarie del centrosinistra si faranno e i tavoli di discussione, già aperti, proseguiranno i propri lavori. È un’ottima notizia. Confermo la mia disponibilità a partecipare a questo importante evento di rilancio cittadino“. Così Giovanni Caudo, presidente del III Municipio e candidato alle elezioni per le primarie del centrosinistra, in una nota.

“Le primarie- aggiunge Caudo- dovranno essere una festa di popolo e possono coincidere con la rinascita della città e del nostro paese, la riapertura di tutte le attività economiche senza allentare, però, l’attenzione alla sicurezza e al contenimento della diffusione del virus. Confrontiamoci sui temi e sulle soluzioni, anche radicali, di cui Roma ha bisogno. Il futuro dipende dalla nostra capacità di mettere a sistema risorse che Roma già possiede. Mi associo, infine, a quanto dichiarato in queste ore dal PD romano e rivolgo, ancora una volta, un appello a Calenda perché partecipi anche lui alle primarie. Si metta in gioco per la città che amiamo, dando la possibilità al centrosinistra di arrivare alle elezioni unito e più forte che mai. Costruiamo una proposta politica e una visione condivisa della città. Abbiamo bisogno di tutto il nostro impegno e di tutta la nostra solidità. Dopo la pandemia, la ricostruzione del tessuto sociale ed economico partirà da qui. Rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare per costruire un nuovo futuro. Abbiamo tutto ciò che serve”.

CIANI (DEMOS): BENE DATA PRIMARIE DI COALIZIONE, IO CI SARÒ

“Sono felice che possa ripartire il confronto con le forze di centrosinistra a cominciare dal Pd. E’ importante fissare data e regole per le primarie di coalizione, per rimettere in moto nella città incontro e confronto con i cittadini, che non sia individuale ma di partiti e movimenti che hanno voglia di cambiare il volto e le politiche di Roma. La nostra città e i suoi cittadini hanno sofferto molto per la pandemia e le conseguenze sanitarie e sociali che ne sono derivate. C’è bisogno di vicinanza alle persone e di mettere in campo una proposta per Roma alternativa alla destra”. Questo il primo commento di Paolo Ciani, Consigliere Regionale di Demos, candidato alle primarie di centrosinistra per il sindaco di Roma alle notizie relative alla fissazione della data per le primarie a Roma.

Con Demos ci saremo alle elezioni nella coalizione di centrosinistra ed io concorrerò alle primarie con la nostra proposta di Roma #Capitalesociale: una città all’altezza della sua storia, che rimetta al centro coesione sociale e lotta alle disuguaglianze, che trovi il suo bene e il suo valore nelle persone che la abitano, con proposte concrete e realizzabili”, conclude Ciani.

FASSINA: LINEE DI PROGRAMMA PRIMA DELLE PRIMARIE

“Grande eccitazione nel Pd di Roma e dintorni, fioriscono candidature a Sindaco, per l’annuncio della data per le primarie. Comprensibile. Almeno si sblocca uno stallo sempre più grave. Ma le primarie, insisto, non sono un episodio di X-Factor. Per avere senso, devono avvenire lungo linee politiche e programmatiche condivise. Sinistra per Roma, dopo aver proposto alla coalizione punti prioritari a Novembre scorso, continua a chiedere un confronto aperto e partecipato dalle migliori energie sociali della Capitale per verificare se, per la coalizione in fieri, l’avversario da sconfiggere è la destra o la Sindaca Raggi; se mettiamo al centro la drammatica questione sociale squadernata in città, a partire dal lavoro da internalizzare e dal diritto all’abitare da garantire; se puntiamo a ristrutturare e rilanciare le aziende municipali come volano di sviluppo e di welfare o cediamo alle privatizzazioni. Sono soltanto alcuni esempi. Da affrontare prima delle primarie: per offrire alla città stremata e disorientata una proposta politica seria e una rinnovata e adeguata classe dirigente”. Lo dichiara Stefano Fassina deputato LeU consigliere di Sinistra per Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»