Idomeni, un operatore Caritas racconta: “Aerei per terrorizzare profughi”

Al confine tra Grecia e Macedonia sono accampate almeno 11mila persone in attesa che riapra la frontiera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

idomeniROMA – Aerei militari ed elicotteri che sorvolano a bassa quota l’accampamento dei profughi di Idomeni, camionette militari ovunque, bambini siriani fuggiti dalla guerra che urlano di terrore perche’ pensano sia l’esercito di Assad: tutto questo sta accadendo in queste ore nel campo profughi di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia, dove sono accampate almeno 11mila persone in attesa che riapra la frontiera.

Nei giorni scorsi le forze dell’ordine macedoni hanno lanciato gas lacrimogeni e sparato proiettili di gomma perfino sui bambini, mentre i profughi cercavano un varco tra il filo spinato. “Quando hanno sentito passare i caccia militari donne e uomini tremavano di paura, scappavano qua e la’ urlando ‘Bashar… Bashar…’ perche’ temevano di veder cadere le bombe come in Siria“, racconta alla stampa cattolica da Idomeni Daniele Albanese, della Caritas di Biella, che e’ anche curatore della pagina Facebook ‘Io accolgo’, una iniziativa di fact checking che individua notizie false sui temi dell’immigrazione. Daniele ha anche messo on line il video con le urla dei profughi. “I bambini terrorizzati si facevano la pipi’ addosso- prosegue – Un ragazzo siriano ha visto che anche noi eravamo impauriti e ci ha invitati nella sua tenda. I politologi dicono che e’ una prova di forza verso la Macedonia. Gli strateghi invece pensano che sia una mossa per spaventare i profughi. A me sembra terrorismo psicologico“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»