Coronavirus, ecco l’azienda tessile di Prato che ha iniziato a produrre mascherine

L'azienda lavorerà a ritmo serrato per produrre 2000 mascherine certificate al giorno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – In provincia di Prato un’azienda specializzata nella produzione di tessuti e di utensili per camper converte l’attivita’ e inizia a sfornare 2 mila mascherine protettive per operatori sanitari al giorno.

Succede a Vaiano, nell’azienda Dreoni che, vista la situazione di emergenza, ha deciso di riadattare le linee produttive e i macchinari per iniziare a fabbricare a ritmo forzato migliaia di mascherine. I dispositivi di protezione individuale una volta usciti dallo stabilimento vengono certificati dal laboratorio Pontlab di Pontedera (Pisa).

A celebrare la rapida trasformazione produttiva per fronteggiare il Coronavirus e’ il presidente del Consiglio regionale e candidato a governatore della Toscana per il centrosinistra, Eugenio Giani, recatosi in visita all’azienda insieme al sindaco di Vaiano, Primo Bosi: “Quando e’ emersa l’emergenza delle mascherine e dei camici- racconta Giani in un video- ecco che e’ arrivato l’ingegno e l’imprenditorialita’ pratese. In un giorno e mezzo in questa azienda hanno ridisegnato linee e adattato le macchine. La flessibilita’ dell’impresa toscana si manifesta qui”.

Il presidente dell’assemblea regionale trae un insegnamento da questa esperienza produttiva: “Il grande messaggio per il domani- conclude- e’ che questa e’ l’imprenditorialita’, la creativita’, la flessibilita’ che viene da Prato, da Vaiano, dalla Toscana“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»